Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Treviso, un 40enne si chiude nel suo appartamento

SAN LIBERALE, SI BARRICA IN CASA E MINACCIA DI SPARARE

Attimi di tensione in mattinata per l'esecuzione di un tso


TREVISO - Si è barricato in casa, minacciando di morte poliziotti e agenti della polizia locale e dicendo soprattutto di avere una pistola con cui avrebbe sparato. Minuti di tensione quelli che si sono vissuti in tarda mattinata nel quartiere di San Liberale a Treviso, in una palazzina di via Toscana, a pochi passi dalla scuola media “Coletti”. E' qui che polizia e polizia locale erano impegnate per prelevare dalla sua abitazione un 40enne per sottoporlo a trattamento sanitario obbligatorio. Un'operazione che si è rivelata più che mai complicata: l'uomo si è chiuso nel suo appartamento rifiutando di aprire la porta e minacciando gli agenti a cui aveva riferito anche di essere in possesso di un'arma e pronto a sparare. Per riuscire ad entrare nel suo appartamento, al terzo piano, è stato necessario far intervenire un'autoscala dei vigili del fuoco di Treviso: proprio la mediazione dei pompieri è stata fondamentale per arrivare ad eseguire il provvedimento. Il 40enne ha comunque cercato di ribellarsi ma alla fine è stato bloccato, ammanettato e trasportato in ambulanza presso il centro di salute mentale del Ca' Foncello. La situazione, di grande tensione, è tornata alla normalità poco dopo le 13. La polizia era sulle tracce dell'uomo già dalla serata di mercoledì. A comporre il 113 erano stati i responsabili della struttura psichiatrica “Casa Calamai” di Treviso: il 40enne si era recato li cercando di entrare nell'edificio, insultando infermiere e altro personale presente. Quando la volante è giunta sul posto l'uomo si era già dileguato, in sella alla sua bicicletta; fino allo scorso mese di marzo, hanno scoperto gli agenti, il 40enne era già stato ricoverato presso la struttura per problemi psichiatrici ma anche legati all'abuso di alcool.