Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vedelago, ritrovati in casa anche cartelli stradali rubati

COLTIVAVA 40 PIANTE DI MARIJUANA IN GIARDINO

Blitz dei carabinieri, in manette un 41enne disoccupato


VEDELAGO - Coltivava ben 40 piante di marijuana nel giardino di casa, sul retro della sua abitazione che confina con un terreno di mais, lontano da occhi indiscreti. A scoprire la piantagione sono stati i carabinieri di Vedelago che hanno arrestato, al termine di una lunga indagine, un 41enne, disoccupato e senza precedenti penali. Le piante, ora sequestrate e destinate alla distruzione, avevano già raggiunto l'altezza di circa un metro e mezzo ed erano prossime alla fioritura. All'interno della sua abitazione i militari hanno rinvenuto anche 20 grammi di hashish, un cartelli di “lavori in corso” di proprietà del Comune, un altro segnale stradale di indicazione chilometrica di proprietà della provincia. Per questo motivo l'uomo, ora ai domiciliari, dovrà anche rispondere di ricettazione.