Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vedelago, la bcc è commissariata da luglio del 2014

CREDITO TREVIGIANO, SI DIMETTE IL DIRETTORE GENERALE

Matteo Passini, alla guida da poco più di un anno, lascia


VEDELAGO - Lascia il direttore generale di Credito Trevigiano: Matteo Passini ha presentato le dimissioni dalla banca di credito cooperativo di Vedelago. Secondo indiscrezioni all'origine della decisione ci sarebbero contrasti sulla gestione dell'istituto con i due commissari, Nicola Marotta e Roberto Venturini, che guidano la bcc in regime di amministrazione straordinaria da oltre un anno. Passini era stato chiamato al vertice operativo del Credito Trevigiano a fine marzo del 2014, dopo l'ispezione di Banca d'Italia e il terremoto dell'avvicendamento dello storico presidente Nicola Di Santo e di buona parte del consiglio di amministrazione. Nonostante il ricambio, dopo pochi mesi, Bankitalia aveva comunque proceduto con il commissariamento della banca trevigiana.
Cresce intanto il malcontento, nel comprensorio storico della bcc, per la politica di rigore impostata dai commissari, soprattutto riguardo i cosiddetti impieghi a breve termine: sarebbero quasi 300 gli affidamenti non rinnovati o revocati negli ultimi mesi. Diversi piccoli imprenditori raccontano di aver ricevuto dal direttore della propria filiale la richiesta di rientro o il diniego al rinnovo del fido pochi giorni prima della scadenza. C'è persino chi sarebbe intenzionato a far causa alla banca.