Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vedelago, la bcc è commissariata da luglio del 2014

CREDITO TREVIGIANO, SI DIMETTE IL DIRETTORE GENERALE

Matteo Passini, alla guida da poco più di un anno, lascia


VEDELAGO - Lascia il direttore generale di Credito Trevigiano: Matteo Passini ha presentato le dimissioni dalla banca di credito cooperativo di Vedelago. Secondo indiscrezioni all'origine della decisione ci sarebbero contrasti sulla gestione dell'istituto con i due commissari, Nicola Marotta e Roberto Venturini, che guidano la bcc in regime di amministrazione straordinaria da oltre un anno. Passini era stato chiamato al vertice operativo del Credito Trevigiano a fine marzo del 2014, dopo l'ispezione di Banca d'Italia e il terremoto dell'avvicendamento dello storico presidente Nicola Di Santo e di buona parte del consiglio di amministrazione. Nonostante il ricambio, dopo pochi mesi, Bankitalia aveva comunque proceduto con il commissariamento della banca trevigiana.
Cresce intanto il malcontento, nel comprensorio storico della bcc, per la politica di rigore impostata dai commissari, soprattutto riguardo i cosiddetti impieghi a breve termine: sarebbero quasi 300 gli affidamenti non rinnovati o revocati negli ultimi mesi. Diversi piccoli imprenditori raccontano di aver ricevuto dal direttore della propria filiale la richiesta di rientro o il diniego al rinnovo del fido pochi giorni prima della scadenza. C'è persino chi sarebbe intenzionato a far causa alla banca.