Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nella notte scontro con un giovane del collettivo Ztl

RISSA IN PIAZZETTA MONTE DI PIETÀ: PESTATO UN RAGAZZO

La denuncia: "Gli aggressori sono di estrema destra"


TREVISO - Ancora un episodio di violenza in pieno centro a Treviso. E, ancora una volta, la causa sarebbe la contrapposizione estrema tra gruppi di giovani. Una rissa è scoppiata nella notte tra venerdì e sabato nei pressi di piazzetta Monte di Pietà, subito dietro piazza dei Signori. Intorno all'una un ragazzo vicino al collettivo Ztl Wake Upsi trova nel bar Cloakroom, quando viene scorto da un gruppo di una decina di coetanei, secondo alcune testimonianze militanti di estrema destra. Tra il giovane all'interno e quelli all'esterno iniziano a volare insulti e minacce. Tanto che il titolare del pubblico esercizio invita l'avventore ad andarsene da un'uscita secondaria, per evitare che la situazione degeneri. Il ragazzo, invece, decide comunque di imboccare la porta principale: volano calci e pugni, a cui altri clienti assistono impietriti. Ad avere la peggio, per ovvie ragioni numeriche, il giovane attivista di sinistra, finchè il barista, dopo aver chiamato la Polizia, riesce a trascinarlo dentro il locale. A questo punto, gli altri contendenti si dileguano. Sul posto, insieme alle Volanti, arriva anche la madre del ragazzo pestato, sembra allertata da una telefonata fatta dal figlio prima di uscire dal bar.