Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Cherv˛ il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/237: L'OPEN D'ITALIA DEI CAMPIONI PARALIMPICI

Lo svedese Joakim Bj÷rkman si conferma imbattibile


CREMA - Sotto l’egida di EDGA (European Disabled Golf Association), si è giocata a Crema la 18esima edizione del torneo italiano per giocatori disabili, aperta a tutte le tipologie di disabilità. Il torneo, appena concluso, si è giocato sulla distanza di trentasei buche,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nella notte scontro con un giovane del collettivo Ztl

RISSA IN PIAZZETTA MONTE DI PIET└: PESTATO UN RAGAZZO

La denuncia: "Gli aggressori sono di estrema destra"


TREVISO - Ancora un episodio di violenza in pieno centro a Treviso. E, ancora una volta, la causa sarebbe la contrapposizione estrema tra gruppi di giovani. Una rissa è scoppiata nella notte tra venerdì e sabato nei pressi di piazzetta Monte di Pietà, subito dietro piazza dei Signori. Intorno all'una un ragazzo vicino al collettivo Ztl Wake Upsi trova nel bar Cloakroom, quando viene scorto da un gruppo di una decina di coetanei, secondo alcune testimonianze militanti di estrema destra. Tra il giovane all'interno e quelli all'esterno iniziano a volare insulti e minacce. Tanto che il titolare del pubblico esercizio invita l'avventore ad andarsene da un'uscita secondaria, per evitare che la situazione degeneri. Il ragazzo, invece, decide comunque di imboccare la porta principale: volano calci e pugni, a cui altri clienti assistono impietriti. Ad avere la peggio, per ovvie ragioni numeriche, il giovane attivista di sinistra, finchè il barista, dopo aver chiamato la Polizia, riesce a trascinarlo dentro il locale. A questo punto, gli altri contendenti si dileguano. Sul posto, insieme alle Volanti, arriva anche la madre del ragazzo pestato, sembra allertata da una telefonata fatta dal figlio prima di uscire dal bar.