Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alice Rusconi Bodin č referente veneta per la Sea Shepard

BLOCCA LA "GRINDADRĀP": ARRESTATA ALLE FÆR ØER

Avrebbe ostacolato la tradizionale caccia ai delfini



TREVISO
– (gp) Arrestata ale Isole Fær Øer per aver interferito con la tradizionale “Grindadràp”, la locale caccia ai delfini. E' la sorte toccata alla trevigiana Alice Rusconi Bodin, referente veneta di Sea Shepherd Italia, l’organizzazione animalista mondiale che si batte per la difesa del mare e dei suoi abitanti. Assieme alla trevigiana di Crespano del Grappa, sono finiti in manette altri quattro attivisti dell'associazione animalista: si tratta dell’olandese Rudy de Kieviet, dell’inglese Lawrie Thomson, dell tedesco Tobias Boehm e dello statunitense Frances Holtman.

A tutti e cinque gli esponenti di Sea Sheperd sono stati confiscati i passaporti e sono stati liberati in attesa di giudizio, che deciderà sulle sanzioni, amministrative o restrittive della libertà personale, da applicare a ciascun caso. Secondo l'accusa i cinque animalisti difeso un branco di globicefali che erano stati presi di mira per essere massacrati nel corso della “Grindadráp”. Circa una sessantina di esemplari, nonostante la protesta, sono stati uccisi.