Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/246: DAL 2019 IN VIGORE LE NUOVE REGOLE DI GIOCO

Le norme ridotte a 24: ecco le principali novità


TREVISO - Erano trentaquattro le Regole del Golf; erano tante, e soprattutto abbastanza complicate da ricordare, per il neofita che le doveva capire, memorizzare, e poi correttamente applicare.Dal 1° gennaio 2019 sarà in uso una versione rivisitata, principalmente finalizzata ad una...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Operazione effettuata dalla Guardia di Finanza di Treviso

EVASIONE FISCALE: STANGATE DUE DITTE DI COMPRO ORO

Le ditte vendevano "oro usato" come se fossero "rottami"



TREVISO
- La Guardia di finanza di Treviso ha scoperto due aziende che, operando all'insegna dei cosiddetti 'compro oro' con oltre cento filiali in tutto il Nord Italia, non hanno versato l'Iva per circa 1,7 milioni di euro ed hanno occultato ricavi per più di 150 mila euro. I finanzieri nell'ambito di un accertamento fiscale hanno verificato che le ditte rivendevano l'oro usato, acquistato dai privati, a un altro operatore del settore, facendo figurare come cessioni di "rottami d'oro" quelle che in realtà erano vendite di oggetti di gioielleria e di oreficeria usati. Così facendo avrebbero approfittato, illecitamente, del diverso regime fiscale Iva previsto per i rottami rispetto ai beni usati, conseguendo un indebito risparmio d'imposta, e inoltre attuato un complesso meccanismo d'indebita riduzione dei ricavi.