Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Operazione effettuata dalla Guardia di Finanza di Treviso

EVASIONE FISCALE: STANGATE DUE DITTE DI COMPRO ORO

Le ditte vendevano "oro usato" come se fossero "rottami"



TREVISO
- La Guardia di finanza di Treviso ha scoperto due aziende che, operando all'insegna dei cosiddetti 'compro oro' con oltre cento filiali in tutto il Nord Italia, non hanno versato l'Iva per circa 1,7 milioni di euro ed hanno occultato ricavi per più di 150 mila euro. I finanzieri nell'ambito di un accertamento fiscale hanno verificato che le ditte rivendevano l'oro usato, acquistato dai privati, a un altro operatore del settore, facendo figurare come cessioni di "rottami d'oro" quelle che in realtà erano vendite di oggetti di gioielleria e di oreficeria usati. Così facendo avrebbero approfittato, illecitamente, del diverso regime fiscale Iva previsto per i rottami rispetto ai beni usati, conseguendo un indebito risparmio d'imposta, e inoltre attuato un complesso meccanismo d'indebita riduzione dei ricavi.