Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Operazione effettuata dalla Guardia di Finanza di Treviso

EVASIONE FISCALE: STANGATE DUE DITTE DI COMPRO ORO

Le ditte vendevano "oro usato" come se fossero "rottami"



TREVISO
- La Guardia di finanza di Treviso ha scoperto due aziende che, operando all'insegna dei cosiddetti 'compro oro' con oltre cento filiali in tutto il Nord Italia, non hanno versato l'Iva per circa 1,7 milioni di euro ed hanno occultato ricavi per più di 150 mila euro. I finanzieri nell'ambito di un accertamento fiscale hanno verificato che le ditte rivendevano l'oro usato, acquistato dai privati, a un altro operatore del settore, facendo figurare come cessioni di "rottami d'oro" quelle che in realtà erano vendite di oggetti di gioielleria e di oreficeria usati. Così facendo avrebbero approfittato, illecitamente, del diverso regime fiscale Iva previsto per i rottami rispetto ai beni usati, conseguendo un indebito risparmio d'imposta, e inoltre attuato un complesso meccanismo d'indebita riduzione dei ricavi.