Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittima una 17enne ricoverata al San Valentino di Montebelluna

VIOLENTATA IN OSPEDALE: CAPOSALA SOTTO ACCUSA

Il dg dell'Uls 8 Simoni: "Infermiere giÓ rimosso dall'incarico"



MONTEBELLUNA
– Violentata a 17 anni dal caposala dell'ospedale di Montebelluna che doveva prendersi cura di lei. A finire sotto inchiesta da parte della Procura di Treviso, che ha già chiuso le indagini a suo carico, è stato un infermiere di 50 anni che l'Uls 8 ha già provveduto a trasferire conferendogli un incarico non a contatto con le persone.

“E' una vicenda che risale a qualche mese fa – afferma Bortoli Simoni, direttore generale dell'Uls 8 – Nel frattempo abbiamo creato le condizioni per favorire le indagini ed evitare l'eventuale reiterazione di quanto sarebbe stato denunciato perchè, essendoci di mezzo una minore, si tratta di una questione delicatissima”.

L'episodio contestato si sarebbe verificato dopo il ricovero della ragazza. Il caposala l'avrebbe prima riempita di complimenti e poi, col passare dei giorni, avrebbe iniziato a corteggiarla facendole delle vere e proprie avances. Il 50enne non si sarebbe però fermato lì, arrivando ad abusare sessualmente della giovane in reparto. Una volta dimessa, la ragazza ha raccontato tutto alla famiglia facendo scattare la denuncia ai carabinieri. Le accuse sono state poi cristallizzate durante un incidente probatorio in cui la 17enne ha raccontato quanto avrebbe subìto. Il caposala, dal canto suo, ha sempre respinto ogni addebito dicendosi del tutto estraneo alla vicenda.