Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittima una 17enne ricoverata al San Valentino di Montebelluna

VIOLENTATA IN OSPEDALE: CAPOSALA SOTTO ACCUSA

Il dg dell'Uls 8 Simoni: "Infermiere già rimosso dall'incarico"



MONTEBELLUNA
– Violentata a 17 anni dal caposala dell'ospedale di Montebelluna che doveva prendersi cura di lei. A finire sotto inchiesta da parte della Procura di Treviso, che ha già chiuso le indagini a suo carico, è stato un infermiere di 50 anni che l'Uls 8 ha già provveduto a trasferire conferendogli un incarico non a contatto con le persone.

“E' una vicenda che risale a qualche mese fa – afferma Bortoli Simoni, direttore generale dell'Uls 8 – Nel frattempo abbiamo creato le condizioni per favorire le indagini ed evitare l'eventuale reiterazione di quanto sarebbe stato denunciato perchè, essendoci di mezzo una minore, si tratta di una questione delicatissima”.

L'episodio contestato si sarebbe verificato dopo il ricovero della ragazza. Il caposala l'avrebbe prima riempita di complimenti e poi, col passare dei giorni, avrebbe iniziato a corteggiarla facendole delle vere e proprie avances. Il 50enne non si sarebbe però fermato lì, arrivando ad abusare sessualmente della giovane in reparto. Una volta dimessa, la ragazza ha raccontato tutto alla famiglia facendo scattare la denuncia ai carabinieri. Le accuse sono state poi cristallizzate durante un incidente probatorio in cui la 17enne ha raccontato quanto avrebbe subìto. Il caposala, dal canto suo, ha sempre respinto ogni addebito dicendosi del tutto estraneo alla vicenda.