Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittima una 17enne ricoverata al San Valentino di Montebelluna

VIOLENTATA IN OSPEDALE: CAPOSALA SOTTO ACCUSA

Il dg dell'Uls 8 Simoni: "Infermiere già rimosso dall'incarico"



MONTEBELLUNA
– Violentata a 17 anni dal caposala dell'ospedale di Montebelluna che doveva prendersi cura di lei. A finire sotto inchiesta da parte della Procura di Treviso, che ha già chiuso le indagini a suo carico, è stato un infermiere di 50 anni che l'Uls 8 ha già provveduto a trasferire conferendogli un incarico non a contatto con le persone.

“E' una vicenda che risale a qualche mese fa – afferma Bortoli Simoni, direttore generale dell'Uls 8 – Nel frattempo abbiamo creato le condizioni per favorire le indagini ed evitare l'eventuale reiterazione di quanto sarebbe stato denunciato perchè, essendoci di mezzo una minore, si tratta di una questione delicatissima”.

L'episodio contestato si sarebbe verificato dopo il ricovero della ragazza. Il caposala l'avrebbe prima riempita di complimenti e poi, col passare dei giorni, avrebbe iniziato a corteggiarla facendole delle vere e proprie avances. Il 50enne non si sarebbe però fermato lì, arrivando ad abusare sessualmente della giovane in reparto. Una volta dimessa, la ragazza ha raccontato tutto alla famiglia facendo scattare la denuncia ai carabinieri. Le accuse sono state poi cristallizzate durante un incidente probatorio in cui la 17enne ha raccontato quanto avrebbe subìto. Il caposala, dal canto suo, ha sempre respinto ogni addebito dicendosi del tutto estraneo alla vicenda.