Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

NovitÓ di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Polizia denuncia due persone per la finta vendita di auto

TRUFFE ONLINE IN AUMENTO: QUASI UNA AL GIORNO

Vittime dell'ennesimo raggiro un trevigiano e un bellunese



TREVISO
– Il numero delle truffe online è in continua crescita, tanto che nel bellunese e nel trevigiano si viaggia al ritmo di quasi una al giorno. Nella stragrande maggioranza dei casi però, grazie alle indagini della polizia, i responsabili vengono smascherati. Negli ultimi giorni sono infatti due le persone denunciate. Il primo furbetto è un bresciano di 61 anni, indagato per la truffa ai danni di un feltrino al quale aveva venduto un'auto che però era già stata venduta. Nello specifico la vittima aveva risposto a un‘inserzione di un noto sito online in merito alla vendita di un'Opel Insigna. Dopo aver preso contatto con l’inserzionista, è stato trovato l'accordo sul prezzo con l’impegno del pagamento al momento della consegna. Versato un anticipo concordando data e luogo per il ritiro, il feltrino non ha più avuto notizie né del venditore né dell'auto. Quando la polizia ha scoperto l'identità del venditore, ha anche accertato che il veicolo era già stato venduto nei giorni precedenti. Denunciato a piede libero, sempre per truffa, anche un 49enne di Bergamo, reo di aver raggirato un trevigiano con le stesse modalità. Anche in questo caso infatti la truffa riguardava la compravendita di un'auto e la mancata consegna, per la quale la vittima aveva già versato l’acconto.