Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO - "Su questo con il prefetto c'è identità di visione"

"LA CASERMA NON PUÒ ESSERE L'UNICO CENTRO PROFUGHI"

Il sindaco Manildo torna a chiedere accoglienza diffusa


TREVISO - Non concentrare i profughi in un unico sito, ma distribuirli in piccoli gruppi in ogni comune. In una parola "accoglienza diffusa". E' la strategia che il sindaco Giovanni Manildo ha ribadito anche al prefetto Laura Lega. "Su questo c'è una ferma identità di visione con il prefetto", sottolinea il primo cittadino. Il principale inquilno di Ca' Sugana conferma di aver avuto più di un colloquio telefonico con la rappresentante del governo e che il prefetto ha concordato anche sulla necessità di non rendere la caserma Serena un hub regionale. “La Serena è una delle soluzioni, non la soluzione. E' un immobile che offre standard migliori rispetto ad altri, ma non può essere l'unica struttura utilizzata. Quanti profughi deve ospitare? Quelli consentiti da una buona gestione. Io comunque spero che si realizzi l'accoglienza diffusa, così il numero calerà in modo vertiginoso".

Galleria fotograficaGalleria fotografica