Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO - "Su questo con il prefetto c'è identità di visione"

"LA CASERMA NON PUÒ ESSERE L'UNICO CENTRO PROFUGHI"

Il sindaco Manildo torna a chiedere accoglienza diffusa


TREVISO - Non concentrare i profughi in un unico sito, ma distribuirli in piccoli gruppi in ogni comune. In una parola "accoglienza diffusa". E' la strategia che il sindaco Giovanni Manildo ha ribadito anche al prefetto Laura Lega. "Su questo c'è una ferma identità di visione con il prefetto", sottolinea il primo cittadino. Il principale inquilno di Ca' Sugana conferma di aver avuto più di un colloquio telefonico con la rappresentante del governo e che il prefetto ha concordato anche sulla necessità di non rendere la caserma Serena un hub regionale. “La Serena è una delle soluzioni, non la soluzione. E' un immobile che offre standard migliori rispetto ad altri, ma non può essere l'unica struttura utilizzata. Quanti profughi deve ospitare? Quelli consentiti da una buona gestione. Io comunque spero che si realizzi l'accoglienza diffusa, così il numero calerà in modo vertiginoso".

Galleria fotograficaGalleria fotografica