Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Lavoravano per più ore e con una paga sotto il minimo contrattuale

INTERINALI DELL'EST SFRUTTATI NELL'AGRICOLTURA TREVIGIANA

Scoperti dalla Dpl 30 addetti forniti da un'agenzia romena


TREVISO - Lavoravano molte più ore di quanto previsto dalle norme e con una paga inferiore rispetto al minimo stabilito dai contratti collettivi nazionali. La Direzione provinciale del Lavoro di Treviso ha individuato 30 operai agricoli interinali irregolari. I lavoratori, tutti stranieri, provenienti da Romania e Polonia, erano stati assunti in somministrazione da varie aziende agricole, soprattutto della parte nord della provincia, tramite un'agenzia specializzata a sua volta con sede in Romania. Le condizioni di lavoro, però, non erano rispettose delle normative italiane. Non si tratta di caporalato, fenomeno del tutto marginale nella Marca a differenza di quanto emerso in altre regioni - spiegano dalla Dpl di Treviso -, ma comunque di una forma di somministrazione irregolare di lavoro, che costituisce reato. Ulteriori accertamenti sono in corso e non è escluso possano emergere altri casi. Oltre ai controlli, intensificati in un periodo di picco produttivo come quello della vendemmia, la struttura trevigiana sta conducendo anche una campagna di sensibilizzazione e di informazione con la collaborazione delle associazioni imprenditoriali e dei sindacati del settore, per formare le imprese a riconoscere eventuali proposte scorrette e prevenire fenomeni come quello messo in luce. Nei primi otto mesi del 2015, la Direzione provinciale ha verificato la presenza di 9  lavoratori in nero in sette aziende del comparto primario. Nell'intero 2014 gli addetti in nero individuati ammontavano a 27, distribuiti in 14 ditte.