Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Lavoravano per pi¨ ore e con una paga sotto il minimo contrattuale

INTERINALI DELL'EST SFRUTTATI NELL'AGRICOLTURA TREVIGIANA

Scoperti dalla Dpl 30 addetti forniti da un'agenzia romena


TREVISO - Lavoravano molte più ore di quanto previsto dalle norme e con una paga inferiore rispetto al minimo stabilito dai contratti collettivi nazionali. La Direzione provinciale del Lavoro di Treviso ha individuato 30 operai agricoli interinali irregolari. I lavoratori, tutti stranieri, provenienti da Romania e Polonia, erano stati assunti in somministrazione da varie aziende agricole, soprattutto della parte nord della provincia, tramite un'agenzia specializzata a sua volta con sede in Romania. Le condizioni di lavoro, però, non erano rispettose delle normative italiane. Non si tratta di caporalato, fenomeno del tutto marginale nella Marca a differenza di quanto emerso in altre regioni - spiegano dalla Dpl di Treviso -, ma comunque di una forma di somministrazione irregolare di lavoro, che costituisce reato. Ulteriori accertamenti sono in corso e non è escluso possano emergere altri casi. Oltre ai controlli, intensificati in un periodo di picco produttivo come quello della vendemmia, la struttura trevigiana sta conducendo anche una campagna di sensibilizzazione e di informazione con la collaborazione delle associazioni imprenditoriali e dei sindacati del settore, per formare le imprese a riconoscere eventuali proposte scorrette e prevenire fenomeni come quello messo in luce. Nei primi otto mesi del 2015, la Direzione provinciale ha verificato la presenza di 9  lavoratori in nero in sette aziende del comparto primario. Nell'intero 2014 gli addetti in nero individuati ammontavano a 27, distribuiti in 14 ditte.