Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/187: IN FRIULI IL CAMPIONATO ITALIANO AIGG

Assegnati i tricolori 2017 dei giornalisti


TREVISO - Chiuso con l’ultima gara di Villa d’Este il Challenge Aigg Diavolina 2017 che mi aveva visto con un bel piatto d’argento, è ora la volta del Campionato individuale, che si gioca a Fagagna, al Circolo Golf Udine. Nelle giornate precedenti il Club aveva ospitato il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO I sindacati della Questura: "Rischio paralisi"

CASERMA SERENA, PARTE LA SORVEGLIANZA 24 ORE SU 24

Da domani compito affidato a carabinieri e polizia


CASIER - Da domani la vigilanza presso la caserma “Serena” di Dosson che attualmente ospita circa 400 profughi sarà affidata esclusivamente a carabinieri e polizia: dieci militari del battaglione di Mestre sorveglieranno l'area, suddivisi in due squadre composte da cinque persone, tra le 13 e l'una di notte. Tra l'una e le 13 tale ruolo sarà affidato alla polizia che presidierà la caserma con due agenti. Se l'Arma ha potuto avvalersi di risorse esterne all'organico della provincia la Questura invece impiegherà agenti che dovranno essere distolti dal lavoro in altri uffici. Il dispositivo di controllo, ratificato oggi dalla Questura con una apposita ordinanza, non va giù ai sindacati di polizia che protestano contro questa decisione che va ulteriormente ad inpoverire un organico già carente e che conta circa 200 effettivi. Il rischio è quello di un rallentamento del lavoro di alcuni uffici fondamentali. Curiosamente i più penalizzati sono gli stranieri che già risiedono in provincia o che sono giunti non come richiedenti asilo nella nostra provincia: in molti già lamenterebbero pesanti ritardi nelle pratiche di regolarizzazione e di concessione del permesso di soggiorno. Quali sono i motivi di questa protesta nei confronti del Questore di Treviso. Ai nostri microfoni Mara Maggiolo, segretario provinciale del sindacato di polizia Siulp, Nicola Mancini, segretario aggiunto della sigla sindacale Sap e Berardino Cordone, segretario provinciale del sindacato Coisp.