Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/187: IN FRIULI IL CAMPIONATO ITALIANO AIGG

Assegnati i tricolori 2017 dei giornalisti


TREVISO - Chiuso con l’ultima gara di Villa d’Este il Challenge Aigg Diavolina 2017 che mi aveva visto con un bel piatto d’argento, è ora la volta del Campionato individuale, che si gioca a Fagagna, al Circolo Golf Udine. Nelle giornate precedenti il Club aveva ospitato il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Giovanni Schiavon " chiama alle armi" contro la quotazione

VENETO BANCA: AZIONISTI SUL PIEDE DI GUERRA

Il pres. dell'associazione: "Ignorati i diritti dei risparmiatori"



TREVISO
- La prossima assemblea dei soci di Veneto Banca sarà l'ultima con voto capitario e l'associazione degli azionisti invita gli aderenti, in quella circostanza, ad una "chiamata alle armi" per chiedere alla attuale governance "di presentarsi dimissionaria" e per "opporsi fermamente a qualsiasi programma che comporti una quotazione in borsa dell'istituto".

L'appello, affidato ad un comunicato,  firmato dal presidente dell'associazione, Giovanni Schiavon, portavoce di "tanti piccoli azionisti che hanno investito in titoli Veneto Banca tutti o quasi i loro risparmi, Tfr e piccole eredità e che ora rappresentano un vero e proprio problema sociale. Per l'associazione, i problemi degli azionisti di Montebelluna sono riconducibili sia alla "frettolosa legge (n.33 del 2015) che impone alle banche popolari la trasformazione in Spa", sia alla "attività invasiva della Vigilanza, che ha commissariato il sistema bancario ignorando i diritti dei risparmiatori", sia, nello specifico, "la concreta gestione di Veneto Banca".

Constatando la completa disattenzione del mondo politico, l'associazione ha quindi avviato "un ricorso al Tar del Lazio per sospendere gli effetti della legge n. 33/2015", prevedendo un ulteriore appello alla "giustizia europea per attivare un controllo giurisdizionale sulla Bce che continua ad imporre scelte di merito sulle banche che prevaricano il ruolo dei Cda", e quindi  "opponendosi fermamente alla quotazione in borsa di Veneto Banca, almeno in questo periodo". "Non sprechiamo questa grande occasione e non facciamoci più incantare dalle chimere. Restiamo compatti - conclude il comunicato di Schiavon - e cerchiamo di difenderci dai continui soprusi".