Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Il curatore: "E' stata una trattativa senza intromissioni"

MARCO GOLDIN RIPORTA LE GRANDI MOSTRE A TREVISO

Da ottobre 2016, dagli Impressionisti alla pittura italiana


TREVISO - Tre mostre, dal 29 ottobre 2016 al 17 aprile 2017, esposizioni che si terranno presso il museo di Santa Caterina a Treviso e che spazieranno dagli Impressionisti alla pittura italiana del secolo scorso. Marco Goldin, presidente di Linea d'Ombra, ha svelato oggi i contenuti delle mostre che segnano il suo clamoroso ritorno a Treviso dopo oltre dieci anni di assenza. Questi i titoli delle tre esposizioni: "Storia dell'impressionismo da Monet a Renoir, da Van Gogh a Gauguin", "Tiziano, Rubens, Rembrandt, l'immagine femminile tra cinquecento e seicento, tre capolavori della Scottish National Gallery di Edimburgo" e infine "Da Guttuso, a Vedova, a Schifano, il filo della pittura in Italia nel secolo novecento". In tutto sono 180 le opere che giungeranno a Santa Caterina. "Bentornato Marco": così ha introdotto la presentazione delle mostre il sindaco di Treviso, Giovanni Manildo che ha raccontato di aver sbloccato la trattativa con il presidente di "Linea d'ombra" nei primi giorni di agosto dopo una lunga enpasse della scorsa primavera quando alcuni dissidi in seno alla maggioranza di Ca' Sugana sembravano aver definitivamente fatto naufragare il ritorno di Goldin a Treviso. "E' stata una trattativa pulita, senza intromissioni": ha detto il presidente di Linea d'Ombra. "Sono stati fondamentali alcuni sponsor -ha spiegato Manildo- non c'è stato nessun impiego di denaro pubblico". Le opere provengono da gallerie di tutto il mondo oltre a collezioni private come quella di Unicredit. Tra le aziende che hanno contribuito a riportare le grandi mostre a Treviso ci sono anche Segafredo Zanetti, le assicurazioni Generali e Pinarello. Oltre alla sala principale del museo di Santa Caterina verrà utilizzata anche la sala ipogea il cui allestimento sarà poi donato al Comune da Linea d'Ombra. L'obiettivo è per ora quello di giungere ad un numero di 250mila visitatori.
Il sindaco di Treviso, Giovanni Manildo, e il presidente di Linea d'Ombra, Marco Goldin