Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il convegno con Carlo Lottieri e Lorenzo del Boca, “1915 – 2015 El sangue dei Veneti”

FESTA DEI VENETI, CHIUSURA CON MUSICA E FUOCHI ARTIFICIALI

E' terminata con il concerto dei Solisti di Radio Veneto Uno la tregiorni di Cittadella


CITTADELLA –Ha chiuso ieri la dodicesima edizone della Festa dei Veneti, appuntamento annuale dedicato alla cultura, storia, lingua e identità veneta, organizzato da “Veneto Nostro - Raixe Venete”, che anche quest'anno ha bissato il successo di afflusso delle scorse edizioni. Nei tre giorni di svolgimento, oltre 50 mila persone sono arrivate nel centro storico di Cittadella, storica città murata della provincia di Padova. Nel pomeriggio, sempre del sabato, il clou della festa: le rievocazioni storiche in uniformi d'epoca della Serenissima, culminanti nell'ormai tradizionale cerimonia dell'alzabandiera col Gonfalone di San Marco e Inno nazionale Veneto. Grande successo anche, nella serata di apertura di venerdì, ove, in piazza Pierobon, si è svolto un affollato e seguitissimo dibattito pubblico intitolato “1915 – 2015 El sangue dei Veneti” mai più” e assurto poi alle prime pagine dei quotidiani nazionali. Relatori di assoluto rilievo, ospiti del presidente Alberto Montagner, presentati dal past president dell'associazione Davide Guiotto, sono stati CARLO LOTTIERI e LORENZO DEL BOCA, ex presidente nazionale dell'Ordine di Giornalisti, scrittore e saggista. Un’attenta analisi delle barbarie disumane di questa osannata “Grande” Guerra combattuta per la maggior parte sue nostre montagne e pianure. Ma il convegno non vuole fermarsi ad una mera analisi storica del conflitto ma vuole far riflettere che la “Grande” Guerra in realtà no è mai finita in Veneto, lo dimostra il sacrificio dei 135 poveri costretti a togliersi la vita par un sistema disumano e sinistro, lo stesso che ha mandato a morte centinaia di migliaia di veneti sul fronte: il sistema Italia.
Domenica 6 dalla mattina alla sera intrattenimento dal palco e più de 100 espositori: alle ore 10.00 ha aperto Danilo Lazzarini coi Venetia Victrix alla riscoperta del grande popolo dei veneti antichi.
Nel primo pomeriggio la Pastoria del Borgo Furo, e poi la grande musica dei nostri cugini veneti dall’ Istria con l’ Orchestra Istriana di Lino Pavan, tradizionale celebrazione con alzabandiera del Leone di San Marco a cura della Milizia Veneta I Reggimento Veneto Real e del 16° Reggimento Treviso. Subito dopo è tornata l’azione con le dimostrazioni e le rievocazioni dei Venetia Victrix con la rappresentazione de “Cleonimo di Sparta contro i Veneti”,
Verso sera spazio ai giovani con la musica rap Made in Veneto con lo nostro storico amico della Festa dei Veneti: Herman Medrano e dopo cena anche quest’anno la manifestazione si è chiusa con la fantastica orchestra da camera di Radio Veneto Uno diretta dal maestro Giorgio Sini, grande finale con i fuochi d’artificio.

Galleria fotograficaGalleria fotografica