Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Casacorba, nel 2013 aveva ferito il proprietario e rubato un'auto

IL RIS IDENTIFICA L'AUTORE DELLA RAPINA AL BAR "GIANNI DEI CAVAI"

Si tratta di un 29enne moldavo: il giovane è però irreperibile


VEDELAGO - Identificato l'autore della rapina al bar “Gianni dei cavai” a Casacorba, anche se per ora l'uomo è irreperibile. Si tratta di un 29enne, moldavo, senza fissa dimora e con precedenti: i Carabinieri sono giunti a lui dopo le indagini a cui ha partecipato anche il Ris di Parma. Nella notte del 27 aprile 2013, lo straniero si era introdotto nel pubblico esercizio, ma era stato sorpreso dal proprietario, che abita al piano superiore, svegliato dai rumori: ne era nata una colluttazione, durante la quale l'immigrato aveva ferito il barista ad un braccio colpendolo con un martello ed un cacciavite. Poi era fuggito con il fondo cassa: circa 200 euro.
Il 29enne nelle stesse ore si era reso protagonista di un altro furto in zona: aveva rubuto la Fiat Punto di un pensionato 72enne. L'auto era stata poi ritrovata a Brescia.
Gli investigatori dell'Arma sono riusciti a risalire al giovane moldavo grazie alle impronte digitali e ad altre tracce biologiche lasciate sul cacciavite e su una torcia utilizzati dal malvivente. Per lui ora è scattata la denuncia alla magistratura per rapina e furto in abitazione.