Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Casacorba, nel 2013 aveva ferito il proprietario e rubato un'auto

IL RIS IDENTIFICA L'AUTORE DELLA RAPINA AL BAR "GIANNI DEI CAVAI"

Si tratta di un 29enne moldavo: il giovane è però irreperibile


VEDELAGO - Identificato l'autore della rapina al bar “Gianni dei cavai” a Casacorba, anche se per ora l'uomo è irreperibile. Si tratta di un 29enne, moldavo, senza fissa dimora e con precedenti: i Carabinieri sono giunti a lui dopo le indagini a cui ha partecipato anche il Ris di Parma. Nella notte del 27 aprile 2013, lo straniero si era introdotto nel pubblico esercizio, ma era stato sorpreso dal proprietario, che abita al piano superiore, svegliato dai rumori: ne era nata una colluttazione, durante la quale l'immigrato aveva ferito il barista ad un braccio colpendolo con un martello ed un cacciavite. Poi era fuggito con il fondo cassa: circa 200 euro.
Il 29enne nelle stesse ore si era reso protagonista di un altro furto in zona: aveva rubuto la Fiat Punto di un pensionato 72enne. L'auto era stata poi ritrovata a Brescia.
Gli investigatori dell'Arma sono riusciti a risalire al giovane moldavo grazie alle impronte digitali e ad altre tracce biologiche lasciate sul cacciavite e su una torcia utilizzati dal malvivente. Per lui ora è scattata la denuncia alla magistratura per rapina e furto in abitazione.