Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/183: IL TROFEO ROLEX SEGNA L'ORA DI PEDRO ORIOL

Lo spagnolo si aggiudica il primo titolo, secondo l'azzurro Gagli


GINEVRA - Tappa appetitosa del Challenge Tour, il Trofeo Rolex, si gioca dal 23 al 26 agosto al Golf Club di Ginevra, a Cologny, in Svizzera. Nasce nel 1921 il Golf Ginevra, con l’appoggio dei funzionari della Società delle Nazioni; ha un debutto modesto, un percorso situato su...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Convalidata la misura di custodia a carico di 5 attivisti di Ztl

SCONTRI IN PREFETTURA: L'ARRESTO ERA LEGITTIMO

Sit-in del Collettivo: "L'antirazzismo non si arresta"



TREVISO
– (gp) L'arresto dei cinque attivisti di Ztl dopo gli scontri in Prefettura a Treviso era regolare. Lo stabilito il gip Silvio Maras che ha convalidato l'operato della Polizia. Dopo essere finiti agli arresti domiciliari e successivamente libearti dal pm, due dei cinque attivisti, accusati di occupazione abusiva, resistenza a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio, hanno respinto le accuse negando ogni addebito. Gli altri tre si sono invece avvalsi della facoltà di non rispondere. Nel corso dell'udienza un gruppo di simpatizzanti ha atteso all'esterno del palazzo di giustizia di Treviso srotolando uno striscione quando i compagni sono usciti dal tribunale. C'era scritto: “L'antirazzismo non si arresta. Liberi tutti”. Al termine degli scontri in Prefettura, durante una manifestazione volta a contestare la gestione del caso profughi prima a Quinto di Treviso e poi alla Caserma Serena di Casier, i denunciati erano in stati in totale 29. Gli atti relativi ai cinque fermati sono tornati al pm Iuri De Biasi, titolare del fascicolo a carico anche degli altri attivisti denunciati. Il Tar ha intanto depositato la sentenza in seguito al ricorso contro i primi tre fogli di via emanati dalla Questura di Treviso dopo la manifestazione antirazzista dello scorso 17 Luglio davanti alla Prefettura di Treviso. Il Tar ha annullato tutti e tre i fogli di via e, per la prima volta, ha condannato la Questura di Treviso a pagare le spese, quantificate in 1500,00 euro.