Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nascerà un istituto da 5.200 soci, con 27 sportelli

PIÙ VICINA LA FUSIONE TRA CENTROMARCA E CRA TREVISO

Via libera di Banca d'Italia all'unione delle due banche


PREGANZIOL - La fusione tra CentroMarca Banca e Cassa Rurale e Artigiana di Treviso è più vicina. Il 31 agosto scorso, infatti, il progetto di fusione tra le due Bcc trevigiane ha incassato l’approvazione della Banca d’Italia. Un passaggio importante a cui ha fatto seguito, lunedì, il via libera da parte dei Consigli di amministrazione di entrambi gli istituti di credito cooperativo che hanno approvato il progetto civilistico di fusione (a giugno i due cda avevano approvato il progetto industriale di fusione).
Con il beneplacito della Banca d’Italia, si è dunque avviato formalmente l’iter procedurale che porterà le due banche a diventare un’unica banca. Il via libera definitivo spetterà alle assemblee dei soci che saranno chiamate a pronunciarsi trascorsi i 30 giorni dalla notifica da parte della Camera di commercio, avvenuta il 9 settembre, di avvenuto deposito del progetto (il progetto è stato presentato in Camera di commercio martedì mattina).
La fusione è da tempo considerata dalle due banche un’opzione strategica: CentroMarca e Cassa rurale ed artigiana aggregate conteranno su 194 dipendenti e oltre 5.250 soci, 27 sportelli collocati in 17 comuni della provincia di Treviso (localizzati in un’area che si estende dal Montello al Sile) e servirà un territorio di competenza di 41 Comuni, di cui 35 trevigiani, 4 veneziani e 2 padovani. Il rafforzamento organizzativo consentirà maggior efficienza operativa e presidio dei rischi, migliorando al tempo stesso l’efficienza economica e contenendo i costi generali grazie a economie di scala e all’incremento della produttività delle risorse.
La nuova bcc aggregata, spiegano i vertici dei due istituti, avrà "una dimensione organizzativa adeguata per sviluppare nuove quote di mercato e continuare a svolgere al meglio la “missione” di banca di credito cooperativo nell’ottica di fornire più ampie prospettive di sviluppo ai soci e ai clienti, alle risorse umane che vi lavorano, alle comunità locali dei territori di competenza".