Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Flavio Cian giudicato del tutto estraneo ai fatti contestati

MERCANTE D'ARTE PROSCIOLTO: "UN EQUIVOCO, NON UNA TRUFFA"

Quattro artisti lo accusavano di non aver restituito dei quadri



TREVISO
– (gp) Era finito sotto accusa per truffa per aver venduto una ventina di quadri di quattro artisti senza versare loro il compenso pattuito. In realtà si è trattato di un clamoroso equivoco visto che il mercante d'arte non solo ha restituito le tele ai legittimi proprietari, che hanno ritirato le querele, ma è anche stato prosciolto a processo. Difeso dall'avvocato Simone Guglielmin, Flavio Cian, presidente dell'associazione culturale “Liberarte”, aveva chiarito fin da subito che la truffa che gli veniva contestata non aveva motivo di esistere. L'unico errore è stato restituire i quadri ai proprietari in ritardo rispetto ai tempi pattuiti, anche se nel frattempo le querele erano già state sporte. I quattro artisti gli avevano consegnato le tele affinché Cian organizzasse alcune esposizioni nel trevigiano, vendendole poi in tv. Una volta recapitate, non ne avrebbero più saputo nulla. Gli artisti (Gabriella Fabbri di Teramo, Marco Stella di Seravezza in provincia di Lucca, Fausto Tronci di Serdiana in provincia di Cagliari e Caludio Caldana di Verona), hanno così deciso di passare alle vie legali. Ma prima che il processo avesse inizio, i loro quadri sono stati restituiti. Il ritardo nella riconsegna non ha però bloccato il processo, che si è celebrato ugualmente per decretare l'innocenza di Cian.