Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Marca entra nelle rete internazionale legata al progetto RICE

CITTÀ DELL'EDUCAZIONE, TREVISO È LA PRIMA IN ITALIA

Firmato il protocollo d'intesa con il prof. J.P. Pourtois


TREVISO - Alla presenza del Sindaco Giovanni Manildo, dell’Assessore Anna Caterina Cabino, del prof. J.P. Pourtois ideatore del progetto, e di tutti i referenti delle Istituzioni partner, si è tenuta nel pomeriggio di oggi la firma della convenzione e del protocollo d’intesa del progetto RICE (Rete internazionale delle Città educative).
Con il coordinamento di Mara Padovan - Responsabile IUSVE (Istituto Universitario Salesiano Venezia) e Anna Pilleri – (Università di Bologna) la prima azione del progetto prevede la realizzazione di percorsi didattici di rafforzamento delle capacità linguistiche dei bambini di età compresa tra i 3 e i 5 anni. Saranno preparati materiali didattici con il coinvolgimento delle educatrici, degli insegnanti e dei genitori in modo che le famiglie siano direttamente coinvolte nel percorso.
Il prof. Pourtois nel corso dell'incontro ha sottolineato l'importanza dell'educazione lingusitica come opportunità di emancipazione e realizzazione dei principi di eguaguaglianza, fratellanza e libertà. Secondo l'esperienza del professore inoltre l'attuazione del metodo dell'insegnamento/apprendimento centrato sul bambino e la famiglia consente di superare lo scarto tra i bambini con un vocabolario strutturato e i bambini che invece vivendo in situazioni problematiche hanno difficoltà ad esprimersi, leggere e comprendere. Esperienze fortunate in questo senso si sono realizzate nell'area francofona del Belgio grazie alla sinergia delle istituazioni politiche, degli insegnanti e delle università.
"Si tratta di un accordo importante che consente di costruire una rete non più solo locale ma internazionale che vede partner qualificati nelle istituazioni scolastiche locali e nell'università di Bologna e della IUSVE - ha dichiarato l'assessore alla scuola Anna Caterina Cabino - Questo progetto non è una cattedrale nel deserto ma nasce su un terreno fertile grazie all'impegno profuso da genitori, docenti e dirigenti trevigiani che da tempo sono impegnati nella realizzazione del polo educativo cittadino".


Treviso sarà la prima città italiana del progetto RICE grazie all’impegno assunto dal Comune (Assessore Anna Caterina Cabino) e all’apporto dei partner:

AMCI Associazione Movimento Cultura Infanzia),
IUSVE (Istituto Universitario Salesiano di Venezia),
UNIBO (Università Statale di Bologna),
FISM (Federezione Italiana Scuole Materne) di Treviso,
I.C. 3 “Felissent” di Treviso;
I.C. 2 “Serena” di Treviso;
I.C. 1 “Martini” di Treviso;
I.C. 4 “Stefanini” di Treviso;
I.C. 5 “Coletti”   di Treviso;
LICEO STATALE “Duca Degli Abruzzi” di Treviso
e dei collaboratori
ASFE (Associazione dello Sviluppo della Formazione Educativa) di Pordenone;
ISTITUTO “Caburlotto”  di Venezia
UNIVERSITA POPOLARE “Cesare Musatti”  di Mogliano Veneto;
pronti a co-costruire una Città dell’educazione che garantisca pari opportunità per tutti, in particolare per i bambini e le famiglie in condizioni di vulnerabilità.