Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Manifestazione in cinque città contro la Banca Popolare di Vicenza

"#AZIONISTICONSAPEVOLI": IL M5S SCENDE IN PIAZZA

Nel mirino la svalutazione delle azioni dell'istituto di credito



TREVISO
– Una manifestazione in contemporanea in cinque città italiane per denunciare e combattere il sistema delle banche che hanno affamato imprenditori e famiglie. E' l'iniziativa promossa dal Movimento Cinque Stelle dal titolo “#azionisticonsapevoli” che ha come motto “potere ai cittadini, non alle banche”.

A Treviso in Varco Manzoni, a Vicenza in Piazza Castello, a Verona in Piazza Brà, a Prato in Piazza San Francesco e a Dalmine in Piazza Libertà, i rappresentanti del Movimento hanno allestito dei banchetti in cui è stato proiettato un video illustrativo della cronostoria della svalutazione delle azioni della Banca Popolare di Vicenza, con interviste ad azionisti e dipendenti dell'istituto di credito.

Oltre ai parlamentari, consiglieri regionali e comunali del Movimento 5 Stelle (i senatori Gianni Girotto, Enrico Cappelletti e Laura Bottici, il deputato Mattia Fantinati, il capogruppo in Regione Veneto Jacopo Berti e i consiglieri regionali del M5S della Regione Lombardia) erano presenti diversi esponenti delle Associazioni di consumatori e molti cittadini impegnati in questa battaglia.

“Il M5S è dalla parte di 200mila azionisti che hanno visto dilapidati ben 6 miliardi di euro di risparmi – ha dichiarato il capogruppo del Movimento Cinque Stelle in Regione Veneto Jacopo Berti - Dopo aver denunciato in Parlamento il "caso Banca Popolare di Vicenza" scendiamo in piazza al fianco dei cittadini. Una serie interminabile di presunte bugie, di cifre che appaiono gonfiate o sgonfiate ad hoc sui bilanci degli ultimi anni della Banca Popolare di Vicenza, hanno determinato una situazione di supervalutazione del titolo assolutamente ingiustificata.

Oggi, passati 6 anni dall'episodio, la BCE è costretta ad intervenire per mettere ordine nei conti di questa Banca che sembra sfuggita al controllo del buon senso, prima ancora che alle regole di gestione degli istituti di credito. Il dramma che oggi vivono i soci dopo una prima svalutazione del 23% con 6 miliardi di euro di propri risparmi bloccati e in attesa di ulteriori forti ribassi, si poteva e doveva evitare. Il Movimento 5 Stelle pretende dalla politica, dalla giustizia e dalla banca che vengano tutelati gli interessi di 200mila piccoli azionisti, traditi non da fluttuazioni del mercato ma da presunti reati sui quali finalmente indagare individuando gli eventuali responsabili. Dimostreremo, dati alla mano, le bugie che la banca ha detto ai risparmiatori, bruciando i loro soldi."


Ai nostri microfoni il commento del senatore del Movimento Cinque Stelle Gianni Girotto.