Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

E' il primo violinista italiano a imporsi nel famoso concorso, nato 34 anni fa in memoria dell'insigne maestro goriziano

IL PREMIO "RODOLFO LIPIZER" LAUREA PAOLO TAGLIAMENTO

A soli 18 anni, annovera il suo trionfo ancor prima della finale, aggiudicandosi anche tre premi speciali


GORIZIA - E' arrivato il verdetto finale del 34° Concorso Internazionale di Violino “Premio Rodolfo Lipizer”: a 34 anni dalla sua prima edizione, Paolo Tagliamento è il primo italiano degno di vincere il prestigioso concorso internazionale di Gorizia svoltasi al Teatro “L. Bratu×”. La prestigiosa rassegna internazionale è intitolata ad un grande violinista, compositore, direttore Il maestro Rodolfo Lipizerd'orchestra, docente e didatta del passato recente. Rodolfo Lipizer (Gorizia 1895 -1974) era il primogenito dei quattro figli del cancelliere del tribunale imperial-regio asburgico, si può certo dire fosse anche figlio d'arte, la madre infatti era discendente di una famiglia goriziana di antiche tradizioni musicali: il nonno Filippo era stato l'ultimo liutaio della famiglia Pelizon una tra le più rappresentative dei tempi che aveva avuto in Antonio Pelizon (1815-1869) l'esponente più importante, i suoi violini risalivano alla scuola dell'Amati, pur essendo originali, vere e proprie opere d'arte. Radici profonde nella storia della cultura musicale per quello che oggi è uno tra i più prestigiosi concorsi di violino al mondo, per la prima, volta vinto da un giovane violinista italiano, ben più giovane dei suoi almeno altrettanto bravi, preparati e più esperti colleghi. Si tratta di Paolo Tagliamento diciottenne di Conegliano, talento certificato: a soli 15 anni si è diplomato al conservatorio chiamato 'l'impossibile' il Giuseppe Verdi di Milano con il massimo dei voti, la lode e la menzione speciale. Dallo scorso ottobre è membro della “Scuola superiore di Sua Maestà la Regina di Spagna” a Madrid, manco a dirlo, istituzione riservata ai 'maggiori' riconosciuti giovani talenti mondiali. Un ragazzo eccezionale: proprio di recente ha superato gli esami annuali della scuola tradizionale, pur soggiornando in Spagna e frequentato con profitto la scuola di specializzazione musicale Sua Maestà, in più, in tutto questo ultimo anno, ha contemporaneamente preparato l'esame a questo importante concorso internazionale. La sua meritatissima vittoria è il frutto di un anno di incessante studio a 360 gradi. Consapevole del fatto che ad attenderlo vi era una giuria internazionale tra le più competenti e severe, si è applicato con grande responsabilità. Una commissione giudicante che certo merita di essere conosciuta: alla presidenza il celebre compositore italiano Aurelio Samorì che certo non ha bisogno di altre presentazioni, coadiuvato da illustri membri quali la avvenente musicista russa Anna Serova, artista dalla straordinaria personalità, dalla sua viola esce chiarezza interpretativa e completa Il vincitore Paolo Tagliamentopadronanza dello strumento tali da motivare diversi compositori a dedicarle diverse delle loro opere. Certo non da meno il grande violinista francese Jean Mouillere, concertista definito l'errede della grande tradizione francese di musica da camera e fondatore, nel 1968 del quartetto 'Quatuor Via Nova', come l'austriaco Thomas Christian fondatore e ovviamente primo violino dei 'Vienne String Quintet'. Una grande celebrità anche il violinista colombiano Eduardo Berrio, naturalizzatosi musicalmente in Spagna, ma vero mito nella sua patria d'origine per il suo impegno a portare la grande musica tra la gente, fuori dall'auditorio. Del violinista italiano Giulio Plotino per brevità citiamo solo alcuni maestri con i quali ha collaborato: Kurt Masur, Lorin Mazel, Sir Colin Davis, Daniel Harding, Myun Wun Chung, John Eliot Gardiner, George Pretre, Daniele Gatti, Riccardo Chailly, Vladimir Jurowsky e alcune tra le più celebri sale ove ha suonato: Royal Albert Hall and Queen Elisabeth Hall in London, Concertgebow in Amsterdam, Kolner Philharmonie, Bunka Kaikan and Orchard Hall in Tokyo, Citè de la Musique in Pariis, Teatro la Fenice di Venezia, Teatro la Scala di Milano. Certamente non da meno anche il grande violinista giapponese Takashi Shimizu, già enfant prodige, a soli 9 anni vinse l'All Japan Student Violin Competition che lo ha portato subito a debuttare con la NHK Symphony Orchestra per il matrimonio di Sua Maestà il Principe H.I.M. Hitachi. Ha poi suonato al fianco di autorevoli maestri qiali: Argerich, Menuhin, Fou Ts’ong, Gitlis, Gililov, Rudin e Maisky. Per affrontare una così autorevole giuria di un più che impegnativo concorso quale il “Premio Rodolfo Lipizer” i ventisei concorrenti, tutti di indubbia capacità e serietà, hanno dovuto dare il meglio di se stessi in sicurezza, preparazione e talento. Non ha certo lesinato in queste speciali doti Paolo Tagliamento, giusto per un'idea, sul sito dell'Associazione Culturale R. Lipizer sono a disposizione i video per valutare con quale maturità e con quale sicurezza egli abbia trascinato, proprio condotto e valorizzato l'Orchestra Filarmonica "MIHAIL JORA" di Bacau (Romania) e il suo direttore, l'eccellente M° OVIDIU BALAN, interpretando il primo tempo del concerto per violino e Un momento della prova finale di Tagliamentoorchestra op. 64 ultima celebre composizione per solista e orchestra di Felix Mendelssohn Bartholdy e di seguito il difficile concerto n° 2 per violino in sol minore, Op. 63 di Sergei Prokofiev. Ovviamente meritano il piacere anche i suoi pezzi in concorso sia come solista che con accompagnamento al pianoforte.
Una vittoria finale che è vero trionfo della semplicità, della seria dedizione allo studio, del sereno supporto di una famiglia intera. Solo così si giustifica l'autentica messe di premi speciali attribuiti già in semifinale all'indiscusso talento del diciottenne trevigiano, infatti ancor prima di accedere alla finale per cimentarsi con i suoi ben più navigati eccellenti colleghi, gliene sono stati assegnati ben tre: il Premio speciale per la migliore esecuzione del “Mirando el cielo, oyendo el viento” sonata per violino solo, scritta appositamente per il “Premio R. Lipizer” dal compositore Edgard Alandia ed è stato offerto dal “Lions Maria Theresia Club” di Gorizia. Il “Premio peciale Giuliano Pecar” al miglior finalista interprete di un brano virtuosistico, offerto dalla moglie e dai figli del compianto Guiliano Pecar. E non meno importante il “Premio Speciale al migliore semifinalista votato dal pubblico, per onorare la memoria degli amici e musicisti goriziani Ucci LEGHISSA, Umberto CORUBOLO, Ernesto LEONARDI e Savino LOVISUTTI, offerto da Sandra ZOTTAR, Federico, Michele e Maria Clara MAGRIS.

Giusto per la cronaca gli altri premi speciali sono stati così attribuiti:

Premio Speciale offerto dalla compositrice Teresa PROCACCINI, presidente del “Premio Rodolfo Lipizer 1999”, per onorare la memoria dei genitori Vittorio e Ancora il giovane violinista trevigianoMaria PROCACCINI, al migliore interprete di una Sonata o brano del ‘900: Stepan LAVROV, Russia.
Premio speciale offerto in memoria di Bruna BRESSAN PIROLO dai suoi figli al migliore semifinalista non ammesso in finale: Nathan MIERDL, Germania
Premio speciale offerto dal prof. Lorenzo QUALLI per onorare la memoria della madre - Anna PICIULIN ved. QUALLI - che ha saputo alimentare in lui la passione per la musica, a un semifinalista dallo spiccato temperamento artistico: KUROKAWA Yu, Giappone.
Premio speciale offerto dal prof. Lorenzo QUALLI, ideatore del Concorso, al migliore interprete di una Sonata dell’800: Nathan MIERDL, Germania.
Questa la classifica finale del Concorso Internazionale “Premio Rodolfo Lipizer”:

1° Premio TAGLIAMENTO PAOLO (Italia)

2° Premio CECI Gabriele (Italia)

3° Premio BARTANA Nitzan (Israele)

4° Premio LAVROV Stepan (Russia)

5° Premio ex aequo IAKUSHINA Olga (Russia)

5° Premio ex aequo VALIULINA Ekaterina (Russia)