Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sopreso da due vigili mentre lasciava la Range Rover a Jesolo

SI FINGE DISABILE PER PARCHEGGIARE IL SUV

48enne di Maserada utilizzava il ticket del padre morto


JESOLO - Ha parcheggiato la sua Range Rover nel posto riservato ai disabili, nel park in piazza Brescia, a Jesolo, è sceso dall'auto e si stava allontanando tranquillamente con la moglie. Due agenti della Polizia locale, impegnati in un pattugliamento in borghese, sono stati insospettiti dal fatto che la coppia non mostrasse alcuna apparente difficoltà di deambulazione. Così hanno fermato l'uomo, un 48enne di Maserada sul Piave e, qualificatisi, hanno chiesto di controllare nel dettaglio il contrassegno per disabili. Il documento è risultato così intestato al padre dell'uomo, deceduto da un paio d'anni. L'automobilista ha tentato di giustificarsi, sostenendo di soffrire di problemi di cuore e che ottenere una nuova autorizzazione avrebbe richiesto troppo tempo. Scuse che, ovviamente, non hanno convinto i vigili urbani: per il trevigiano è scattata una sanzione per uso improprio del contrassegno per disabili, nonché per sosta sul relativo spazio, per complessivi 170 euro e decurtazione di 4 punti dalla patente.