Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Domenica pranzo all'ex Umberto I e case di riposo a porte aperte

CAFF╚ SOSPESO E CANDID CAMERA PER LA LOTTA ALL'ALZHEIMER

Diecimila malati di demenza in provincia, le iniziative dell'Israa


TREVISO - Sono mille nel solo comune di Treviso, oltre diecimila in tutta la provincia. In netto aumento: nel mondo ogni 3,2 secondi una persona si ammala di demenza. Ad oggi quasi 47 milioni di pazienti sprofondano lentamente, senza ricordare chi sono e riconoscere i propri cari.
Per rilanciare l'attenzione sul tema, in occasione della giornata mondiale dell'Alzheimer, lunedì prossimo, l'Israa, l'ente che gestisce le case di riposo in città, lancia una serie iniziative.
La prima è già in corso da alcuni giorni: in una quarantina di bar, identificati da un'apposita locandina, si potrà lasciare un caffè sospeso. Ovvero, secondo l'usanza napoletana, un espresso offerto, che poi verrà bevuto, assicurano dall'Israa, dai malati e dai loro accompagnatori. Alcuni operatori dell'ente, poi, girano per la città e salutano calorosamente perfetti sconosciuti incontrati per strada, fingendosi vecchi amici. Le reazioni sono le più varie: lo scopo è ricordare lo spaesamento di chi perde progressivamente la memoria.
L'Israa prosegue poi la sua “apertura” verso l'esterno. “Lavoriamo per i nostri anziani, ma anche per tutto il territorio”, ricorda il presidente Luigi Caldato. Ecco dunque il primo pranzo nel Borgo: domenica nel chiostro dell'ex Umberto I, dove dovrebbero essere realizzati 46 appartamenti per anziani, si terrà un pranzo a base di ricette della tradizione trevisana, come riso co i s'ciosi e poenta e bacalà. Invitati i residenti del quartiere e tutti i trevigiani, fino ad esaurimento dei 350 posti disponibili.
Sempre domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 17.30, le residenze Israa in città apriranno le loro porte a tutti i visitatori.

Galleria fotograficaGalleria fotografica