Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Domenica pranzo all'ex Umberto I e case di riposo a porte aperte

CAFFÈ SOSPESO E CANDID CAMERA PER LA LOTTA ALL'ALZHEIMER

Diecimila malati di demenza in provincia, le iniziative dell'Israa


TREVISO - Sono mille nel solo comune di Treviso, oltre diecimila in tutta la provincia. In netto aumento: nel mondo ogni 3,2 secondi una persona si ammala di demenza. Ad oggi quasi 47 milioni di pazienti sprofondano lentamente, senza ricordare chi sono e riconoscere i propri cari.
Per rilanciare l'attenzione sul tema, in occasione della giornata mondiale dell'Alzheimer, lunedì prossimo, l'Israa, l'ente che gestisce le case di riposo in città, lancia una serie iniziative.
La prima è già in corso da alcuni giorni: in una quarantina di bar, identificati da un'apposita locandina, si potrà lasciare un caffè sospeso. Ovvero, secondo l'usanza napoletana, un espresso offerto, che poi verrà bevuto, assicurano dall'Israa, dai malati e dai loro accompagnatori. Alcuni operatori dell'ente, poi, girano per la città e salutano calorosamente perfetti sconosciuti incontrati per strada, fingendosi vecchi amici. Le reazioni sono le più varie: lo scopo è ricordare lo spaesamento di chi perde progressivamente la memoria.
L'Israa prosegue poi la sua “apertura” verso l'esterno. “Lavoriamo per i nostri anziani, ma anche per tutto il territorio”, ricorda il presidente Luigi Caldato. Ecco dunque il primo pranzo nel Borgo: domenica nel chiostro dell'ex Umberto I, dove dovrebbero essere realizzati 46 appartamenti per anziani, si terrà un pranzo a base di ricette della tradizione trevisana, come riso co i s'ciosi e poenta e bacalà. Invitati i residenti del quartiere e tutti i trevigiani, fino ad esaurimento dei 350 posti disponibili.
Sempre domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 17.30, le residenze Israa in città apriranno le loro porte a tutti i visitatori.

Galleria fotograficaGalleria fotografica