Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, incontro con i commercianti per la sicurezza partecipata

FURTI E RISSE IN CITTÀ: SALE LA STRETTA DEI CONTROLLI

Grigoletto: "Potenziata la videosorveglianza in città"


TREVISO - "Ho sentito proprio questa mattina il Questore che mi ha assicurato nuovi e più intensi controlli interforze in centro e nelle zone calde, come i giardini di Sant'Andrea. La sicurezza di cittadini e commercianti è certamente prioritaria – dichiara il vicesindaco e assessore alla sicurezza Roberto Grigoletto a seguito anche dei furti che si sono verificati in città nella notte di lunedì - La video sorveglianza in città è stata potenziata e proprio questa sera incontreremo il gruppo dei commercianti del centro storico che hanno già dato la loro disponibilità a dare avvio a un modello di sicurezza partecipata, innovativo e radicato sul territorio. Stupiscono invece le dichiarazioni della Regione – continua il vicesindaco - Oltre a molti proclami e comunicati stampa i veneti e i trevigiani hanno visto poco. Basti pensare che per il 2015 la regione ha ridotto i fondi per la sicurezza da 23 milioni ad appena 60mila euro, cancellato la scuola regionale di polizia, ridotto i finanziamenti per l'acquisto di telecamere di sicurezza. E la legge regionale sulla polizia locale risale agli anni 80: c'è bisogno di rivederla. Saremmo al contrario contenti se nella conferenza Stato-Regioni Zaia si attivasse per ottenere il potenziamento degli agenti delle forze dell'ordine. Che dice poi il Governatore di alcuni episodi malavitosi che sono accaduti e si verificano in molti degli altri 94 comuni della Provincia? Se ne dimentica perché governati dai suoi colleghi di partito leghisti?".