Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Merce ritrovata in Romania grazie alla polizia locale

RAID IN AZIENDE TRA TREVISO, PORDENONE E UDINE: TRE ARRESTI

In cella gang di romeni, recuperata refurtiva per 210mila euro


PORDENONE - Avevano fatto razzia in almeno 16 aziende tra le province di Pordenone, Treviso e Udine. I carabinieri di Sacile hanno definitivamente chiuso il cerchio sui componenti di una banda di romeni, composta da tre uomini, capaci di trafugare refurtiva di vario tipo per un valore di oltre 210mila euro. Il materiale sparito in Italia è stato quasi interamente recuperato grazie anche alla collaborazione della polizia romena, nella città di Focsani, e grazie all'Interpol. Gli stranieri erano stati fermati dai militari nel maggio scorso a San Quirino, in provincia di Pordenone, al termine dell'ennesimo raid. Recuperati dai militari vari macchinari, attrezzature professionali e di precisione per la lavorazione del ferro, giardinaggio ed edilizia.