Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/187: IN FRIULI IL CAMPIONATO ITALIANO AIGG

Assegnati i tricolori 2017 dei giornalisti


TREVISO - Chiuso con l’ultima gara di Villa d’Este il Challenge Aigg Diavolina 2017 che mi aveva visto con un bel piatto d’argento, è ora la volta del Campionato individuale, che si gioca a Fagagna, al Circolo Golf Udine. Nelle giornate precedenti il Club aveva ospitato il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Primo collaudo con la pioggia caduta domenica scorsa

SERNAGLIA, INAUGURATO IL BACINO DI LAMINAZIONE DI VIA FARRA

La capacitą massima di invaso č di 62.000 metri cubi


SERNAGLIA - Una bella mattinata di sole e una piccola folla di cittadini, tra i quali gli studenti dell'istituto comprensivo, hanno fatto da cornice oggi all'inaugurazione del bacino di laminazione di via Farra a Sernaglia, opera costata un milione di euro e finanziata dalla Regione Veneto per aumentare la sicurezza idraulica del territorio. A fare gli onori di casa ai cittadini e ai colleghi dei Comuni limitrofi il sindaco di Sernaglia Sonia Fregolent e il presidente del Consorzio di bonifica Piave Giuseppe Romano. Presenti anche i consiglieri regionali Gianpiero Possamai e Amedeo Gerolimetto. Questi i dati tecnici del bacino: la capacità massima di invaso è di 62.000 metri cubi, l'area interessata è di 20.150 metri quadrati, la portata massima in ingresso è di 17 metri cubi al secondo; quota argini 128,60 metri s.m.m., quota fondo 123,50 metri s.m.m., profondità massima 5,10 metri. Due i corsi d'acqua che possono “entrare” nella cassa: il torrente Patean e un altro corso che riceve acqua dal torrente Gavada. Tra domenica notte e lunedì mattina, in occasione della forte perturbazione che ha interessato la provincia, il bacino si è riempito fino a un'altezza di 1,80 metri.
Ecco quanto detto dal sindaco Fregolent prima del taglio del nastro: “Sono fiera e orgogliosa di essere qui oggi per inaugurare quest'opera. Volevo partire con dei ringraziamenti, in primis al Consorzio di bonifica e al suo presidente perché da quando ci sono state le prime esondazioni nella mia amministrazione, il 28 giugno e la notte tra il 6 e 7 luglio 2009, non mi hanno mai lasciata sola e mi hanno sempre dato un supporto per trovare una soluzione a beneficio del centro abitato di Sernaglia. Di questo al Consorzio e ai suoi dipendenti, e alla Regione Veneto che ha finanziato completamente l'opera, devo dire grazie perché senza di loro ci troveremmo ancora in difficoltà. La pioggia di domenica scorsa, che di fatto ha “collaudato” il bacino, per il nostro centro abitato sarebbe stato un problema. Ringrazio la dirigente scolastica Giuliana Barazzuol che ha accolto l'invito della nostra amministrazione ad avere gli studenti qui con noi: crediamo sia giusto che anche loro conoscano quest'opera e la sua funzione. Un grazie anche a sindaci e assessori dei Comuni vicini che sono qui oggi: spesso, purtroppo, il rischio idrogeologico accomuna varie amministrazioni. Grazie ai miei dipendenti comunali e alla mia giunta perché quest'opera è il frutto di tante sinergie e contributi. Non è un'opera di un soggetto solo ma di tante persone. Grazie anche alle associazioni presenti a questa cerimonia, tra le quali la protezione civile. I problemi del 2009 sono stati uno stimolo per il nostro Comune perché da lì è nato il gruppo di protezione civile, che può contare su ben 40 persone e che oggi si contraddistingue in tutta la provincia per l'aiuto alle popolazioni in difficoltà.
Il rischio idrogeologico e idraulico sono un problema in Italia, un po' perché si è costruito dove non si poteva costruire e un po' perché l'uomo ha la presunzione di potere governare la natura anziché rispettarla. Credo che dovremmo tornare un po' indietro e approcciarci all'ambiente e alla natura come facevano i nostri nonni, cercando cioè di avere un ritorno economico ma rispettando i vincoli ambientali. Mi auguro che avere realizzato una cassa d'espansione non faccia sentire qualcuno legittimato ad aumentare i carichi idraulici ma anzi faccia riflettere su quanto il nostro territorio sia fragile. Concludo leggendovi un proverbio Masai che mi ha fatto riflettere e che vi lascio come pensiero: “Trattiamo bene la terra su cui viviamo. Essa non ci è stata donata dai nostri padri, ma ci è stata prestata dai nostri figli”” ha concluso Fregolent.