Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un artigiano di Treviso dicharato innocente dal giudice

NON PAGA GLI ALIMENTI: ASSOLTO A CAUSA DELLA CRISI

Reddito ridotto: legittimo per la corte saldare prima i debiti



TREVISO
– (gp) Le condizioni economiche in cui si è ritrovato a causa della crisi possono giustificare il mancato pagamento degli alimenti al figlio minorenne. Lo ha stabilito il giudice Marco Biagetti con una sentenza destinata a far discutere da un lato, ma a far riflettere e forse a fa cambiare i parametri legislativi dall'altro.

Protagonista della vicenda un artigiano poco più che 40enne residente a Treviso il quale, difeso dall'avvocato Sossio Vitale, era finito sotto accusa per aver infranto l'articolo 570 del codice penale, ovvero la violazione degli obblighi di assistenza familiare. La vicenda prende avvio dalla denuncia dell'ex moglie la quale, dopo la separazione consensuale, non ha più ricevuto dall'ex marito i 500 euro di mantenimento mensile per il figlio minore stabiliti dal giudice.

L'uomo, che per diversi mesi aveva provveduto ad assolvere gli obblighi stabiliti dal giudice, quando ha visto il suo reddito diminuire in maniera drastica ha deciso di onorare i propri debiti (continuare a pagare parte del mutuo della casa di famiglia e l'affitto dell'abitazione in cui vive) evitando dunque di versare quei 500 euro che sarebbero serviti per le spese di mantenimento del figlio. Un comportamento che gli è costato una denuncia e un processo penale dal quale però è uscito pulito.