Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Indagine della GdF, nei guai anche gli ex proprietari

CRACK ITALGRIGLIATI, TRE IMPRENDITORI INDAGATI

Dalle aziende del gruppo, decotte, spariti 19 milioni di beni


TREVISO - Avevano acquisito nei primi mesi del 2013 quattro società, ormai decotte, del gruppo “Italgrigliati” di Pieve di Soligo, portandole al definitivo fallimento dopo averle spolpate di capitali e attrezzature. Per il crack del gruppo pievigino, con alle spalle una tradizione di oltre 40 anni, sono stati denunciati per bancarotta fraudolenta e interdetti a svolgere attività imprenditoriali tre imprenditori: Lanfranco Cazzolaro, 52enne di Caerano, Aram Petrossians, 64enne di Castelfranco e il 73enne di Conegliano Vincenzo Zanato. Secondo le indagini svolte dal nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Treviso il terzetto sarebbe riuscito a far sparire dal patrimonio delle società, prima che queste presentassero i libri in tribunale e chiudesse definitivamente nel luglio del 2014, circa 19 milioni di euro. Metà di questa cifra sarebbe finita nelle tasche degli imprenditori che avevano prospettato, al momento dell'acquisizione, un piano di risanamento per le aziende che contavano una trentina di dipendenti. L'indebitamento iniziale ammontava a 13 milioni ma questo è cresciuto fino a raggiungere i 49 milioni di euro. Nella lista degli indagati figurano anche gli ex proprietari del gruppo, Virgilio Dal Col e Margherita Bertazzon: anche per loro l'accusa è di concorso in bancarotta fraudolenta. Ai microfoni di radio VenetoUno interviene il comandante del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Treviso, il colonnello Massimo Dell'Anna.