Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Innocenti Stefania Donadi, Walter Pasqualin e Luigi Severin

BUCO DA 4 MILIONI ALL'ULSS 9: ASSOLTA LA "CRICCA BOLZAN"

Cancellato il risarcimento da 750 mila euro del primo grado



TREVISO
 - La Corte d'Appello di Venezia, a differenza di come aveva fatto con i tre imputati principali, ha cancellato in secondo grado le condanne inflitte ai quattro coimputati di concorso in peculato aggravato per il buco da 4 milioni di euro nelle casse dell'Ulss 9 di Treviso. Dopo le quattro condanne per un totale di 14 anni e 6 mesi di reclusione, i giudici veneziani hanno assolto i tre imputati (che avevano presentato ricorso) della cosiddetta “cricca Bolzan”. Stefania Donadi, la 45enne di Paese nel cui conto corrente sarebbe transitata la somma più consistente (1.878.824,47 euro) è stata giudicata innocente per non aver commesso il fatto. Stessa formula per il 55enne residente a Paese Luigi Severin, che per l'accusa avrebbe visto lievitare il suo conto in banca di 63.632,42 euro. Assolto perchè il fatto non costituisce reato invece l'ex marito della Bolzan, Walter Pasqualin, al quale venne sequestrato il negozio “In Arredamenti” di Villorba messo in piedi grazie a 301.620 euro sottratti all'Ulss 9. L'unico a non aver presentato ricorso in appello è stato il 52enne di Casale sul Sile Fausto Zorzan che si sarebbe impossessato di 60.668,25 euro. Per lui la condanna a tre anni di reclusione e al pagamento di 50 mila euro di provvisionale è destinata dunque a diventare definitiva. La Corte d'Appello cancella anche i risarcimenti da versare all'azienda sanitaria che in primo grado erano stati quantificati con una provvisionale da 750 mila euro: 500 mila euro per Stefania Donadi, 150 mila per Walter Pasqualin e 50 mila per Fausto Zorzan e Luigi Severin. In primo grado Stefania Donadi era stata condannata a quattro anni e sei mesi di reclusione, Walter Pasqualin a quattro anni e Luigi Severin a tre anni. Alla sbarra, in primo grado, erano finite con le stesse accuse anche l'amica 73enne della Bolzan, Anna Fantin, della 59enne di Silea Anna Martinelli e della 79enne Gabriella Zanta, madre di Massimo, che insieme avrebbero visto girare nei loro conti bancari 414.240,90 euro. Tutte e treerano state assolte per non aver commesso il fatto.