Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Querelato per le sue affermazioni, andrà a processo

"VENETI UBRIACONI", OLIVIERO TOSCANI NON SI SCUSA

Il noto fotografo rifiuta una pubblica ammenda


PADOVA - Niente scuse da parte di Oliviero Toscani. Il fotografo, noto per le campagne choc per il gruppo Benetton, intervenendo alla trasmissione La Zanzara su Radio 24, lo scorso febbraio, aveva definito i veneti “un popolo di ubriaconi e di alcolizzati”. “Poveretti, non è colpa loro se nascono in Veneto – aveva spiegato -. Alcolizzati atavici erano i nonni, i padri, le madri. Il loro è un destino”. Dichiarazioni che avevano suscitato molteplici reazioni indignate in regione. Alcuni padovani non si erano limitati alle proteste, ma avevavo denunciato per diffamazione il celebre pubblicitario. In questo caso la procedura prevede un tentativo di conciliazione bonaria tra le parti: nei giorni scorsi gli avvocati degli interessati si erano incontrati per questo motivo. I querelanti patavini chiedevano una lettera di scuse ufficiali, da pubblicare sui media. Il legale di Toscani, per conto del suo cliente, ha rifiutato qualsiasi atto di questo tipo. Dunque ora i contendenti si ritroveranno davanti al giudice di pace.