Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il futuro: sostenibilità e nuove formule di finanziamento per i clienti

TREVISO, L'EDILIZIA FATICA AD USCIRE DALLA CRISI

Il presidente dell'Ance: "Nuovo ciclo ma ancora non a fuoco"


TREVISO - L'edilizia della Marca non vede ancora la fine del tunnel.  Lo ha confermato lo stesso Fiorenzo Corazza, presidente provinciale dell'Ance, l'Associazione nazionale costruttori edili in un convegno promosso per fare il punto sulla situazione e sull'evoluzione futura dell'intera filiera delle costruzioni. "Tra i vari comparti economici che oggi possono affermare di essersi lasciati alle spalle la crisi - ha affermato Corazza -, il nostro settore manca ancora all’appello. L’inerzia strutturale che ci contraddistingue è una regola che si riconferma anche questa volta: nei cicli economici negativi siamo gli ultimi a fermarci ma siamo anche gli ultimi a ripartire quando cambia il vento".
Corazza ha ribadito come il comparto stia vivendo una trasformazione epocale e come, anche una volta terminata la recessione, le imprese non possano semplicemente ricominciare a fare quello che facevano prima. "Forse non ne abbiamo la piena consapevolezza ma credo che un nuovo ciclo sia già cominciato ma che sia governato da fattori diversi che non abbiamo ancora ben messo a fuoco", ha sottolineato. Tre le parole chiave individuate dai rappresentanti della categoria: sostenibilità, qualità e competenze. Alfredo Martini, direttore della rivista specializzata Civiltà di cantiere, accanto ad aspetti già oggi imprescinbili come risparmio energetico ed eco-compatibilità, ha ribadito come le aziende debbano cercare sempre più nuovi modello di finanziamento degli acquisti con cui agevolare i clienti.