Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Anche Treviso sottoscrive l'accordo con la Prefettura

PROFUGHI AL LAVORO, FIRMATO IL PROTOCOLLO

I migranti svolgeranno attività di utilitù sociale


TREVISO - Firmato il protocollo d’intesa per far svolgere lavori socialmente utili ai profughi. Alla testa dei Comuni che hanno sottoscritto il documento proposto dalla Prefettura, l'amministrazione del capoluogo. Dopo l’adesione deliberata dalla giunta, il vicesindaco Roberto Grigoletto e l’assessore delegato Anna Caterina Cabino nel pomeriggio hanno siglato l'accordo. "Abbiamo ritenuto opportuno siglare questo documento soprattutto per il valore e la valenza politica che questo documento riveste – dichiara Grigoletto -. Si tratta di un cambio di atteggiamento e di prospettiva: il fatto che queste persone possano essere impiegate in attività socialmente utili rappresenta prima di tutto un contributo importante per la comunità. Certo, siamo davanti ad uno strumento nuovo che pone sicuramente delle questioni e dei nodi che dovranno essere sciolti, ma crediamo che in sede di convenzione anche le perplessità sollevate da alcune associazioni di volontariato possano trovare soluzione".
Secondo lo schema previsto, i richiedenti asilo dovrebbero diventare soci delle associazioni di volontariato, che poi, a loro volta, stringerebbero delle convenzioni con gli enti locali per eseguire progetti di utilità sociale. L'approvazione preliminare da parte delle rispettive giunte era uno dei rilievi sollevati da diversi sindaci durante il vertice della scorsa settimana in Prefettura, insieme alla copertura assicurativa degli immigrati- lavoratori.

La Cisl: "Non ruberanno il lavoro a nessuno"

Soddisfatto anche Franco Lorenzon, segretario generale della Cisl Treviso Belluno: "Ritengo quello sottoscritto oggi un protocollo positivo, un passo in avanti importante sulla strada della civiltà, dell'accoglienza e di un senso realistico della presenza sul nostro territorio dei profughi e richiedenti asilo, un accordo che dà il via a molte possibilità senza incatenare nessuno - sottolinea il sindacalista -. E' sicuramente un passaggio politico, soprattutto, e in quanto tale troverà la sua forza in quella che sarà poi l'applicazione e l'adesione degli enti locali in collaborazione con le associazioni di volontariato e il coordinamento della Prefettura. Credo che finalmente sia stata espressa, chiaramente, una volontà nuova di integrazione e di accoglienza, nei confronti di persone che si trovano costrette in una situazione indipendente dalla loro volontà e che, se supportate dalle istituzioni, possono diventare una risorsa per le nostre comunità senza rappresentare un'insidia per qualcun altro, lavoratori disoccupati in primis. L'alternativa è quella di continuare a lasciare questi soggetti nell'inerzia, dando poi libero sfogo a sterili giudizi e commenti di chi contesta, si oppone e non fa proposte alternative".