Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Fonte, si auto-ferisce ad un occhio e scassina porta d'ingresso

SIMULA UNA RAPINA PER RESTARE A CASA DA LAVORO

Operaio 51enne di Possagno denunciato dai carabinieri


FONTE - Per ottenere qualche giorno di riposo da lavoro aveva simulato di aver subito una rapina in casa procurandosi un livido all'occhio destro e scassinando la porta-finestra d'ingresso della sua abitazione. Una messa in scena in piena regola quella architettata da un 51enne di Possagno. L'uomo, denunciato dai carabinieri di Onè di Fonte per simulazione di reato, aveva raccontato ai militari di essere stato aggredito all'interno della sua abitazione da due malviventi. Le indagini accurate dei militari hanno portato ad accertare che la rapina non c'era in realtà mai stata. Lo scopo era quello di poter avere un paio di giorni di malattia e poter rimanere a casa a riposare. Per questo motivo il 51enne rischia ora anche il posto di lavoro.