Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Il 24 ottobre inaugura il tratto dalle Stefanini alla penisola del Paradiso

RIPRENDONO LE VISITE NELLA "TREVISO SOTTERRANEA"

Firmata una convenzione col Comune per la gestione dell'area


Dopo le prime visite nei cunicoli sotto le mura cittadine, l'associazione Treviso Sotterranea è pronta a ripartire, forte della convenzione firmata con il Comune di Treviso. Un documento che permette all'associazione di gestire alcune aree ipogee delle mura rinascimentali per renderle accessibili e fruibili al pubblico, fornendo ai visitatori grandi e piccini tutte le garanzie di sicurezza.

Il progetto nasce dall'esperienza e dalla conoscenza tecnica dei membri dell'associazione Treviso Sotterranea, composta da professionisti in campo speleologico, archeologico e architettonico impegnati anzitutto nella ricerca e nello studio delle cavità artificiali di Treviso al fine di creare una catalogazione e documentazione puntuale di tutti i siti presenti, e, dove possibile, renderli fruibili al pubblico. Un'attività di valorizzazione del patrimonio storico di Treviso che si traduce anche nel lavoro di pulizia e conservazione dei reperti.

Il 24 ottobre il progetto verrà presentato al pubblico, lo stesso giorno sarà pubblicato il calendario delle visite e sarà quindi possibile prenotare e soddisfare le tantissime richieste, si parla di almeno un migliaio, pervenute in questi mesi. La visita costerà 10 agli adulti, e 5 ai bmbini e ai ragazzi fino ai 12 anni, comprensivi di assicurazione e attrezzatura (caschetto e pila).
Il primo percorso accessibile sarà il tratto che da Porta Piave (scuole Stefanini) porta alla Penisola del Paradiso, dove sarà possibile visitare un rifugio della Prima Guerra Mondiale, i sotterranei di porta San Tomaso e, nella penisola, verrà spiegato il sistema idraulico progettato da Fra Giocondo per difendere la città.
Per la seconda metà di novembre verrà inaugurato il secondo tratto: dal bastione Santa Sofia fino alla golena di viale Nino Bixio. E nel mentre si sta lavorando su altri possibili percorsi.

Ai nostri microfoni, in ordine gli interventi dell'assessore alla cultura di Treviso, Luciano Franchin e del presidente di Treviso Sotterranea Roberto Stocco.