Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa un cicloamatore 41enne di Forlì-Cesena

POSITIVO ALL'ANTIDOPING ALLA GRANFONDO PINARELLO: IN AULA

L'atleta si è opposto a un decreto penale da 12.750 euro



TREVISO
– (gp) Partecipa alle seconda edizione de La Pinarello Cycling Marathon (la 15° Gran Fondo Pinarello e della Marca Trevigiana) e viene trovato positivo al controllo antidoping. A finire sotto accusa un atleta residente a Meldola, in provincia di Forlì-Cesena, che dopo una lunga battaglia di competenze ha presentato opposizione a un decreto penale di condanna da 12.750 euro, in sostituzione di un mese e 15 giorni di reclusione, di fronte al giudice del tribunale di Treviso.

Ma a dover decidere se il corridore sia o meno colpevole sarà il tribunale di Forlì-Cesena, considerato che è impossibile stabilire dove abbia assunto le sostanze dopanti (ammesso che che le abbia assunte) e dunque a occuparsi del caso dovrà essere la magistratura del paese di residenza.

In sostanza i fatti contestati risalgono 17 luglio 2011. Stefano Rossi, cicloamatore oggi 41enne tesserato UDACE-CSAIN e appartenente alla società sportiva “ASD Artusiana Bike” di Forlimpopoli, all'arrivo della classica trevigiana delle gran fondo è stato sottoposto ai controlli antidoping di legge che, stando alle analisi e alle contestazioni degli inquirenti, hanno dato degli esiti impietosi: il 41enne è stato infatti trovato positivo alla benzoilecgonina (un metabolita della cocaina), al noretiocolanolone e al norandrosterone. Inoltre nelle urine dell'atleta è stata rilevata anche la presenza di testosterone e dei suoi metaboliti di origine non endogena.

Immediata era scattata la segnalazione alla Procura antidoping e a quella ordinaria, trattandosi in ogni caso di un reato penale. Le carte vennero spedite da Treviso a Roma, dove ha sede la Procura antidoping. Esaminato il caso, dalla capitale il fascicolo venne rispedito a Forlì-Cesena, giudicato competente per territorio e poi a Treviso, dov'è stato effettuato l'accertamento. Ma il giudice trevigiano, spulciato il codice di procedura, ha stabilito che dovrà essere il tribunale di Forlì a occuparsi del caso, nonostante la violazione sia stata rilevata durante La Pina Cycling Marathon.