Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Esposto per omissione di soccorso e omicidio colposo

MORTO IN PRONTO SOCCORSO: "GIUSTIZIA PER MIO FIGLIO"

L'autopsia su Francesco Pugliese fissata per mercoledì



MONTEBELLUNA
– (gp) “Voglio che sia fatta giustizia per mio figlio”. E' la volontà di Marianna Carè, la madre di Francesco Pugliese, deceduto nell'atrio del pronto soccorso dell'ospedale San Giacomo Apostolo di Castelfranco Veneto. Assieme all'altro figlio, la donna si è affidata all'avvocato Andrea Zambon per capire le circostanze in cui il 32enne di Montebelluna ha perso la vita. I familiari presenteranno infatti in Procura una denuncia querela a carico di ignoti per le ipotesi di reato di omicidio colposo e omissione di soccorso. In più nomineranno un consulente di fiducia che affiancherà l'anatomopatologo della Procura di Treviso incaricato di effettuare l'autopsia sul corpo del giovane, che verrà effettuata mercoledì. Gli inquirenti sul caso hanno aperto un fascicolo per permettere di svolgere tutti gli accertamenti necessari: al momento non ci sono persone iscritte nel registro degli indagati ma l'ipotesi di reato per cui si procede, per ora, è la violazione dell'articolo 586 del codice penale, ovvero morte in conseguenza di altro delitto. In parole povere, in attesa di riscontri oggettivi su quanto accaduto, la Procura tende a collegare il decesso con l'assunzione di morfina e metadone che deve essere stato ceduto alla vittima da qualcuno, che gli inquirenti cercheranno di identificare. Se ci siano state negligenze a livello di assistenza medica lo stabiliranno le indagini, anche a fronte dei risultati dell'esame autoptico.