Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND ╚ IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE ╚ IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerÓ l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'autopsia sul 32enne di Montebelluna tiene aperta la pista overdose

MORTO IN OSPEDALE: FRANCESCO UCCISO DA UN ARRESTO CARDIACO

Decisivi i risultati dell'esame tossicologico attesi tra 60 giorni


CASTELFRANCO VENETO – (gp) Francesco Pugliese, il 32enne di Montebelluna morto nell'atrio del pronto soccorso dell'ospedale San Giacomo Apostolo di Castelfranco Veneto, è deceduto per un arresto cardiocircolatorio improvviso, ma non ci sono segni evidenti in merito alle cause che possono averlo provocato. Quindi il decesso potrebbe essere verosimilmente la conseguenza di un'overdose anche se per averne la certezza si dovranno attendere gli esiti degli esami tossicologici, che verranno depositati tra 60 giorni.

I risultati dell'autopsia, eseguita dall'anatomopatologo Alberto Furlanetto sul corpo del 32enne, di fatto confermano i sospetti iniziali, e cioè che sia stata l'assunzione di morfina a uccidere Francesco Pugliese. Se questa ipotesi dovesse essere accertata, l'attenzione degli inquirenti si sposterà sulle eventuali negligenze del personale sanitario, che al momento sono escluse.

La domanda per cui i familiari di Francesco pretendono però una risposta è solo una: il 32enne poteva essere salvato? Per questo motivo, affidandosi all'avvocato Andrea Zambon, hanno presentato una denuncia querela in Procura per le ipotesi di reato di omissione di soccorso e omicidio colposo a carico di ignoti. La famiglia ha anche nominato un consulente di fiducia per assistere, come parte in causa, all'esame autoptico.

In attesa dei riscontri tossicologici, il pm Laura Reale, titolare del fascicolo, continua a procedere per la violazione dell'articolo 586 del codice penale, ovvero l'ipotesi di reato di morte in conseguenza di altro delitto. In parole povere, in attesa di avere un quadro oggettivo su quanto accaduto, la Procura tende a collegare il decesso con l'assunzione di morfina e metadone che deve essere stato ceduto alla vittima da qualcuno, che gli inquirenti cercheranno di identificare.