Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Decessi in diminuzione dopo tre anni in crescita continua

MORTI SUL LAVORO: TREVISO NON È PIÙ LA MAGLIA NERA

Il procuratore Dalla Costa: "Grazie anche all'accordo con lo Spisal"



TREVISO
- Dopo tre anni in cui il numero dei morti sul lavoro è inesorabilmente cresciuto, nei primi nove mesi del 2015 la tendenza è stata invertita. Complice anche l'intesa stretta lo scorso anno dalla Procura di Treviso e dallo Spisal dell'Ulss 9 in merito ai controlli in materia di rispetto delle norme sull'antinfortunistica. A sottolinearlo è stato il procuratore Michele Dalla Costa che, dati alla mano, ha ribadito che Treviso non è più la maglia nera in Veneto per quanto riguarda gli infortuni mortali sui luoghi di lavoro. Di certo, come rende noto il numero uno della Procura, gli incidenti sono dovuti a molteplici fattori non sempre prevedibili, ma il fatto di aver intensificato i controlli può aver influito nel far calare il numero di persone decedute. Se nel 2014 la Marca guidava la classifica veneta con 11 morti sul lavoro, nei primi nove mesi del 2015 è scesa a 5. In realtà l'andamento a livello regionale è distribuito in maniera più o meno uguale rispetto al numero di abitanti e di imprese, ma il dato è significativo visto che, dal 2012 al 2014, Treviso ha sempre registrato un incremento invece che una diminuzione. Parlando di numeri, i morti sul lavoro nella Marca sono stati 6 nel 2012, 8 nel 2013 e 11 nel 2014, anno in cui Treviso si è piazzata al primo posto in Veneto. Ora la maglia nera spetta a Vicenza (11 morti quest'anno e 8 nel 2014), l'unica città in aumento. Tutte le altre infatti scendono: Verona passa dai 9 del 2014 ai 7 del 2015, Rovigo da 8 a 5, Venezia da 9 a 4, Belluno da 4 a 2 e Padova stabile con 4 decessi. Negli ultimi 4 anni (dal 2012 al 2015), Treviso è seconda Veneto con 30 morti sul lavoro in totale, contro i 36 di Verona (prima), i 28 di Vicenza, i 21 di Belluno, i 19 di Padova e Venezia e i 18 di Rovigo.