Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Esercenti invitati a collegare gli allarmi alla centrale delle forze dell'ordine

FURTI NEI NEGOZI, "NESSUN ALLARME SOCIALE"

Il prefetto incontra Questore e presidente della Confcommercio


TREVISO - L'escalation di furti in negozi e bar del centro di Treviso delle ultime settimane “non destano allarme sociale”. Lo conferma il prefetto Laura Lega. La rappresentante del governo, comunque, comunque assicura massima attenzione al problema, conferma che sono già allo studio apposite contromisure. Proprio su questo tema, il prefetto venerdì scorso ha fatto il punto della situazione con il questore Tommaso Cacciapaglia, il sindaco Giovanni Manildo e il presidente provinciale della Confcommercio Renato Salvadori.

Nel corso del vertice ha sottolineato l'importanza di sensibilizzare gli esercenti perchè si dotino di misure di sicurezza passiva, come sistemi di allarme o di videosorveglianza, e perchè, tramite le loro associzioni di categoria, aderiscano a progetti per collegare gli impianti dei negozi alle centrali operative delle forze dell'ordine, ad esempio il cosiddetto Securshop, o ad altri protoccoli simili, messi in atto da categorie particolarmente a rischio, come tabaccai o farmacisti. Sta procedendo, spiegano dalla Prefettura, anche la formulazione del Patto per la sicurezza, per rafforzare il coordinamento sul tema, con il comune di Treviso. E naturalmente continueranno e verranno intesificati anche i controlli da parte delle forze dell'ordine per prevenire i reati a danni degli esercizi commerciali.