Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Erano accusati di aver malmenato un connazionale a Susegana

PICCHIATO E RAPINATO: ASSOLTI DUE CITTADINI RUSSI

La vittima si contraddice in aula: per i giudici non sono colpevoli


SUSEGANA – (gp) Lesioni e tentata estorsione in concorso, oltre al reato di rapina che è stato derubricato in esercizio arbitrario delle proprie ragioni. Erano i tre capi d'imputazione che hanno fatto finire a processo due cittadini russi S.K., 25 anni, e N.A., 46 anni, entrambi di Treviso. Il primo è stato condannato a 4 mesi di reclusione e al pagamento di mille euro di provvisionale alla parte civile per le lesioni, venendo assolto per gli altri due capi d'accusa. Assolto invece da tutti i reati contestati il secondo. Fondamentale per la sentenza d'assoluzione è stata la testimonianza resa in aula dalla vittima, un 32enne di Susegana, che ha più volte vacillato nel ricostruire con esattezza quanto denunciato nel febbraio 2011. Stando alle accuse i due imputati si sarebbero recati a Conegliano, dove sapevano di poter incontrare il connazionale, per farsi restituire un oggetto che gli avrebbero prestato. In pochi minuti la situazione sarebbe degenerata: i due russi avrebbero spintonato, strappato la collanina d’oro e costretto il connazionale a consegnare loro il permesso di soggiorno. Poi, nei giorni seguenti, sarebbe arrivata la richiesta di denaro: “Li vuoi riavere? Porta 300 euro in stazione a Susegana”. La vittima del ricatto, dopo essersi recato in ospedale per farsi medicare (5 giorni di prognosi), presentò denuncia ai carabinieri.