Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Progetto sostenuto da Comune, Prefettura, Questura

SICUREZZA, ANCHE A TREVISO IL CONTROLLO DEL VICINATO

Uno sguardo discreto ma presente di residenti e negozianti


Né ronde né pattugliamenti, ma tanti occhi aperti. Presente in 60 Comuni italiani, approda anche a Treviso il Controllo del vicinato, un sistema auto-organizzato di sorveglianza del territorio che mette in rete residenti e negozianti della zona (aderiscono Ascom-Confcommercio e Rivivere Treviso), in sinergia con l'amministrazione comunale, la prefettura e la questura. L'idea è semplice: creare un gruppo formato da vicini di casa e commercianti di una stessa via o piazza, attenti a cosa accade all'esterno. Persone sospette, allarmi che suonano, giovani che si ritrovano a bere, scritte sui muri... I comportamenti anomali osservati, che potrebbero far sospettare furti o fenomeni che potrebbero degenerare, vengono comunicati agli altri membri del gruppo. Al suo interno vi sarà un coordinatore con il compito di tenere i contatti con le Forze dell'Ordine, che potranno beneficiare di un dialogo continuo e segnalazioni di qualità per attuare gli interventi.
A Treviso si parte da subito dal centro storico, suddiviso in tre aree, ciascuna delle quali ha coinvolto 5-6 commerci. A inizio novembre si passerà anche alle periferie nord e sud: Santa Bona e Canizzano. L'attività dei gruppi di controllo del vicinato sarà segnalata da appositi cartelli che hanno lo scopo deterrente di comunicare a chiunque passi nella zona che la sua presenza non passerà inosservata.
Nato dal maggiore bisogno di sicurezza, il controllo del vicinato assume anche un valore sociale e solidale, nei confronti, per esempio, degli anziani e delle persone sole.