Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In Borsa a gennaio: "Ancora nessun sistema per tutelare i soci"

VENETO BANCA CHIUDE ALTRE 60 FILIALI IN CINQUE ANNI

Nel nuovo piano industriale stop alla sponsorizzazione Juve


MONTEBELLUNA - Veneto Banca prova a ripartire, ma intanto continua l'opera di razionalizzazione. Il piano industriale 2015-2020 presentato oggi dal neo direttore generale Cristiano Carrus prevede la chiusura di altre 60 filiali, oltre alle 70 già individuate dal precedente piano, per un totale di 130. Le prime trenta filiali, come già stabilito, cesseranno l'attività al 31 ottobre. L'assetto passerà ad un nuovo modello con un'agenzia madre a cui saranno collegate almeno tre o quattro agenzie figlie. La riorganizzazione comporterà, a fine piano, una riduzione del personale di 430 unità. "Esuberi che vogliano gestire grazie a prepensionamenti e passaggi al part-time - ha spiegato Carrus -. Se i sindacati ci seguiranno, con il senso di responsabilità e l'equilibrio dimostrati finora, contiamo che l'impatto sociale sia minimo". Veranno effettuate anche 57 nuove assunzioni per attrarre nuove conpetenze e giovani. Tra le iniziative per rilanciare la rete, anche il ritorno alle insegne storiche degli istituti acquisiti in altre regione.

STOP ALLA SPONSORIZZAZIONE DELLA JUVE

Tra le operazioni di contenimento dei costi, anche il taglio delle sponsorizzazione: a partire da quella per la Juventus. Non possiamo più permettercela ha detto l'amministratore delegato, assicurando che invece verranno mantenute quelle a squadre e società locali. In totale alla voce sponsorizzazioni verranno risparmiati 1,5 milioni.  Il piano prevede anche, fra gli altri, minori costi per 2,7 milioni nelle consulenze e  per 1,7 sulle auto blu aziendali (attualmente circa 150). La riduzione delle spese per la componente progettuale, ad esempio con il venir meno delle grandi assemblee sociali, farà risparmiare 15 milioni e altri 19 proverranno dalla riduzione del numero delle filiali.

IN BORSA ENTRO GENNAIO E NO A VICENZA
Il calendario è scandito: assemblea per la trasformazione in spa fissata al 5 dicembre, quotazione in Borsa entro metà- fine gennaio 2016, aumento di capitale da un miliardo di euro ad aprile 2016. Il piano industriale è stato elaborato per una banca che rimane autonoma (la cosidetta ipotesi "stand alone"), ma non è ancora del tutto esclusa l'aggregazione con un'altra banca quotata. "Andiamo in Borsa - ha precisato Carrus - perchè un miliardo ce lo può dare solo il mercato e nessun altro". Anche se lo stesso ad ha ammesso le difficoltà da parte dei possibili partner di dare un reale valore a Veneto Banca prima della quotazione. Ed ha ribadito: "Più passa il tempo, più la variabile aggregazione tende a sfumare".
Di sicuro, non si farà il matrimonio con Popolare di Vicenza: "Unire due banche che, insieme, hanno bisogno di 2,5 miliardi di euro, significa mettere assime due soggetti in difficoltà". Il manager ha, però, lasciato aperta un'unica porta, quando entrambe avranno completato lo sbarco a Piazza Affari.

"PREZZO DECISAMENTE PIU' BASSO DELL'ATTUALE"
Carrus ha sottolineato che allo stato attuale non è possibile determinare quale sarà il prezzo di quotazione di Veneto Banca. Ha però ammesso che sarà "decisamente più basso" rispetto al valore attuale delle azioni. "Stiamo cercando ogni mezzo - ha dichiarato il capo azienda - per minimizzare il disagio per i nostri soci. L'ho raccomandato anche a Banca Imi (che segue l'istituto trevigiano nel percorso di quotazione, ndr)". L'amministratore delegato ha auspicato che Veneto Banca continui ad avere un forte azionariato dei territorio in cui è radicato: "Voglio provare a convincere gli investitori locali che hanno già investito tanto in questa banca ad investire ancora un po'". Ed ha ribadito che si stanno studiando formule per cercare di premiare i soci storici, aggiungendo però "Al momento non abbiamo ancora individuato una soluzione".

Galleria fotograficaGalleria fotografica