Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La bcc di Vedelago è commissariata da un anno e mezzo

CREDITO TREVIGIANO, AZIONE CONTRO GLI EX AMMINISTRATORI

Contestazioni multimilionarie per conflitti di interessi


VEDELAGO - Il Credito Trevigiano si starebbe preparando ad avviare un'azione di responsabilità multimilionaria contro gli ex amministratori, accusati una mala gestione che ha portato la bcc di Vedelago al commissariamento. Dall'istituto non arirvano, per ora, conferme ufficiali, ma, secondo le indiscrezioni sarebbe già porpnto un dossier di centinaia di pagine di contestazioni nei confronti di Nicola Di Santo, storico presidente, di fatto costretto a dimettersi nel febbario dell'anno scorso e di altri membri del consiglio di amministrazione in carica fino ad agosto 2014, quando Bankitalia, in seguito ai risultati di un'ispezione, decise di azzerare gli organi sociali e di avviare l'amministrazione straordinaria tuttora in corso. In particolare si farebbe riferimento a diverse operazioni viziate da irregolarità e da conflitti di interesse.
Entro pochi giorni, comunque, i commissari Nicola Marotta e Roberto Venturini dovranno formalizzare la procedura: con l'assemblea in programma il prossimo 25 ottobre i circa 6.900 soci saranno chiamati ad eleggere il nuovo cda e gli altri organismi e la bcc tornerà al suo governo ordinaria. La decisione dell'azione legale dimostra la volontà di chiudere definitvamente con la precedente gestione e di segnare una netta discontinuità con il passato, anche in vista di possibili candidature alle imminenti elezioni di ex amminstratori o di persone a loro legate. Nicola Di Santo, comunque, nei mesi scorsi, aveva già più volte rigettato come infondate tutte le accuse di aver deciso impieghi in conflitto di interessi.