Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Intervista con due degli autori, Laura Simeoni e Michele Rigo

IL LEONE DI SAN MARCO, STORIA E LEGGENDA DI UN EMBLEMA MILLENARIO

Un nuovo saggio svela i segreti del simbolo della Serenissima


TREVISO - Siamo abituati a vederlo su facciate di palazzi, monumenti, porte d'ingresso alle città. Il Leone alato di San Marco è un simbolo comune e familiare, non solo in Veneto, ma in tutta la vasta che va dalla Lombardia orientale all'Istria e alla Dalmazia, fino alle isole dell'Egeo, dove nei secoli la Serenissima Repubblica ha esercitato il suo governo. In pochi, però, conoscono davvero il suo significato e la sua storia. A colmare la lacuna ci pensa ora un saggio, intitolato proprio “Il Leone di San Marco”, edito per i tipi della De Bastiani Editori di Vittorio Veneto e distribuito in abbinamento al Gazzettino, nella collana dedicata alla Storia della Serenissima.
Tra storia e leggenda, si potranno così approfondire le origini di questo emblema, legato al culto dell'evangelista patrono della città lagunare, ma anche il suo sapiente uso politico promosso nei secoli dai vertici della Repubblica. Si potranno scoprire curiosità come il “funerale”, con tanto di sepolutura, per il vessillo veneziano celebrato a Perasto, nell'attuale Montenegro, dopo la caduta della Serenissima o il fatto che il celeberrimo leone su una delle due colonne in piazza San Marco, in realtà non è un... leone, ma una chimera, risalente a ben prima della fondazione della città. Si potrà imparare a districarsi tra i tanti tipi di leone marciano: andante, in moleca... Si potrà compiere un excursus tra le moltissime opere d'arte in cui la fiera alata è stata effigiata. E rendersi conto che questo simbolo millenario conserva ancora intatta la sua forza evocativa e inconografica, tanto da essere ripresa in numerosissimi loghi di aziende e enti più disparati.

Nel link, l'intervista integrale a due degli autori del volume, Laura Simeoni, e Michele Rigo.