Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'ira del sindaco Manildo: "Colpo basso, ma interverrà il Comune"

LA CAMERA DI COMMERCIO NON FINANZIERA' PIÙ IL TCBF

Gli organizzatori del festival: "A rischio l'edizione 2016"


TREVISO - “Ci sentiamo mancare la terra sotto i piedi, se non si troveranno soluzioni per sostenere la qualità del festival, che è espressione in Italia e all’estero della città di Treviso, sarà impossibile continuare il lavoro che da 12 anni a questa parte stiamo portando avanti”. È un momento difficile per il Treviso Comic Book Festival che, dopo il successo di pubblico e di qualità della proposta culturale, vive oggi nell’incertezza di poter chiudere l’edizione 2015 e programmare quella del 2016. Nodo cruciale:: il finanziamento che secondo il Comune, la Camera di commercio avrebbe dovuto erogare alla rassegna non è arrivato, in quanto la giunta camerale ha bocciato la richiesta fatta dall'amministrazione municipale tramite un apposito bando.
"Ci rimettiamo quindi al Comune affinché trovi una soluzione - spiegano gli organizzatori del Tcbf -. Ci siamo fidati durante tutto l'anno della parola del sindaco Manildo e confidiamo che ora trovi un modo per sopperire a questo mancato sostegno economico, che rischia di pregiudicare la continuità della manifestazione in città”.
“Spiace davvero – continuano amaramente i responsabili della kermesse - perché a ottobre 2014 avevamo chiesto una sola cosa: conoscere in tempi utili gli stanziamenti, in modo da poter programmare con consapevolezza le attività e la promozione del Tcbf". L'incertezza rischia di affossare una manifestazione ormai a livello internazionale, che nell'ultima edizione, a fine settembre, ha portato in città oltre 150 autori da tutto il mondo e 30mila visitatori da tutta Italia, in due giorni, riempiendo alberghi e ristoranti.


MANILDO: "UN COLPO BASSO, MA CI PENSEREMO NOI"
"Un colpo basso che mette in estrema difficoltà noi, ma che non graverà sulle sorti dei nostri festival". Il sindaco Giovanni Manildo assicura che, nonostante tutto, Ca' Sugana si farà carico di garantire il contributo: "Il passo indietro della Camera di commercio mette il Comune in condizioni di grande difficoltà, poiché per recuperare quei soldi dovremmo fare l’impossibile. Ma una cosa è certa: l’affidamento che le associazioni hanno fatto sulla nostra parola non verrà assolutamente tradito. Cosa che ho comunicato loro già questa mattina”.

FRANCHIN: "MANCANZA DI RISPETTO DELLA CCIAA"
Non usa giri di parole per commentare la vicenda neppure l'assessore alle Politiche culturali ed ambientali, Luciano Franchin. “E’ evidente che nella Camera di commercio di Treviso manca una linea di comando - conferma l'esponente della giunta -. In altro modo non si spiegherebbe il perché di questo atteggiamento che dimostra non solo la mancanza di rispetto per il lavoro di regia e coordinamento dell’amministrazione comunale, ma anche e soprattutto per l’impegno delle forze vive che stanno contribuendo in prima persona al rilancio della città e del territorio”.