Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Usavano l'auto della madre di uno dei rapinatori

RAPINA AL MARKET, IL COVO DEI BANDITI ERA A VILLORBA

Il colpo ieri a Casarsa, in manette due romeni di 25 e 29 anni


VILLORBA - Avevano messo a segno, martedì mattina verso le 12.30, una violenta rapina al supermercato In's di Casarsa della Delizia, in provincia di Pordenone. I banditi, due romeni di 25 e 29 anni, entrambi senza fissa dimora ed incensurati, sono stati arrestati nel tardo pomeriggio dai carabinieri a Villorba a pochi passi dall'abitazione in cui vive la madre del 25enne, un appartamento usato come base per le loro scorribande. Per mettere a segno il colpo avevano utilizzato la Toyota Yaris della donna, un'auto “insospettabile” e intestata proprio a lei: sono stati traditi dall'occhio attento dell'autista di un mezzo pubblico che li ha visti fuggire dal market ed aveva memorizzato i numeri della targa del mezzo. I carabinieri di Pordenone, con la collaborazione dei colleghi di Treviso, non hanno dovuto far altro che attendere che i malviventi lasciassero il loro “covo” di Villorba, cosa che è avvenuta verso le 18.30 di ieri sera. I banditi, cugini tra loro, hanno tentato di dileguarsi a bordo di un altro mezzo, una Audi A6 con targa romena: per entrambi, fermati e perquisiti lungo la strada che conduce a Lancenigo, sono subito scattate le manette.
Gli stranieri, oltre ad utilizzare un'altra auto per allontanarsi, si erano anche cambiati d'abito: una precauzione, questa, che si rivelerà inutile. Uno dei malviventi teneva nelle mutande parte della refurtiva frutto della rapina, circa 700 euro; altri 1800 euro ed una pistola giocattolo sono stati rinvenuti in una scatola, sempre in auto. Secondo gli investigatori i due romeni si sarebbero resi protagonisti di altre rapine nelle scorse settimane. Quella di martedì mattina, all'In's di Casarsa, era stata particolarmente violenta: La cassiera, una 30enne, era stata colpita con un pugno alla spalla e ferita alla mano: aveva inutilmente cercato di opporsi ai banditi che in modo spregiudicato avevano agito disarmati e a volto scoperto. La donna ha riportato una prognosi di circa 10 giorni: di fronte agli investigatori non ha avuto esitazione nel riconoscere i due banditi che l'avevano aggredita.
Le interviste al comandante della Compagnia di Treviso, Stefano Mazzanti e al comandante provinciale, Ruggiero Capodivento.