Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Usavano l'auto della madre di uno dei rapinatori

RAPINA AL MARKET, IL COVO DEI BANDITI ERA A VILLORBA

Il colpo ieri a Casarsa, in manette due romeni di 25 e 29 anni


VILLORBA - Avevano messo a segno, martedì mattina verso le 12.30, una violenta rapina al supermercato In's di Casarsa della Delizia, in provincia di Pordenone. I banditi, due romeni di 25 e 29 anni, entrambi senza fissa dimora ed incensurati, sono stati arrestati nel tardo pomeriggio dai carabinieri a Villorba a pochi passi dall'abitazione in cui vive la madre del 25enne, un appartamento usato come base per le loro scorribande. Per mettere a segno il colpo avevano utilizzato la Toyota Yaris della donna, un'auto “insospettabile” e intestata proprio a lei: sono stati traditi dall'occhio attento dell'autista di un mezzo pubblico che li ha visti fuggire dal market ed aveva memorizzato i numeri della targa del mezzo. I carabinieri di Pordenone, con la collaborazione dei colleghi di Treviso, non hanno dovuto far altro che attendere che i malviventi lasciassero il loro “covo” di Villorba, cosa che è avvenuta verso le 18.30 di ieri sera. I banditi, cugini tra loro, hanno tentato di dileguarsi a bordo di un altro mezzo, una Audi A6 con targa romena: per entrambi, fermati e perquisiti lungo la strada che conduce a Lancenigo, sono subito scattate le manette.
Gli stranieri, oltre ad utilizzare un'altra auto per allontanarsi, si erano anche cambiati d'abito: una precauzione, questa, che si rivelerà inutile. Uno dei malviventi teneva nelle mutande parte della refurtiva frutto della rapina, circa 700 euro; altri 1800 euro ed una pistola giocattolo sono stati rinvenuti in una scatola, sempre in auto. Secondo gli investigatori i due romeni si sarebbero resi protagonisti di altre rapine nelle scorse settimane. Quella di martedì mattina, all'In's di Casarsa, era stata particolarmente violenta: La cassiera, una 30enne, era stata colpita con un pugno alla spalla e ferita alla mano: aveva inutilmente cercato di opporsi ai banditi che in modo spregiudicato avevano agito disarmati e a volto scoperto. La donna ha riportato una prognosi di circa 10 giorni: di fronte agli investigatori non ha avuto esitazione nel riconoscere i due banditi che l'avevano aggredita.
Le interviste al comandante della Compagnia di Treviso, Stefano Mazzanti e al comandante provinciale, Ruggiero Capodivento.