Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Conegliano, avevano imbrattato aule e pc della scuola enologica

PRESI I VANDALI DEL CERLETTI, SONO 3 STUDENTI

Individuati grazie alle videocamere di una ferramenta


CONEGLIANO - Sono tre allievi minorenni dell'istituto stesso, i vandali del Cerletti. I Carabinieri di Conegliano li hanno individuati dopo una rapida indagine, grazie alle immagini delle telecamere di una ferramenta.
Nella notte tra giovedì e venerdì della settimana scorsa, ignoti erano entrati nella Scuola enologica, forzando una finestra, ed avevano imbrattato con olio da cucina i muri e i pavimenti di quattro aule, nonché altrettanti computer. Poi avevano sigillato il cancello che dà sulla strada con una catena ed un grosso lucchetto. La mattina successiva, gli operatori scolastici, dopo aver tagliato il catenaccio, per consentire l'ingresso degli studenti si erano resi conto dei danni ed avevano sporto denuncia.
Gli investigatori dell'Arma di Conegliano, coordinati dal comandante Salvatore Gueli, sono partiti proprio dal lucchetto per risalire agli autori del gesto. I militari hanno passato al setaccio varie ferramenta dove poteva essere stato comprato il materiale: e, infatti, le immagini delle telecamere del circuito interno di uno di questi negozi, hanno rivelato l'identità degli acquirenti.
Messi di fronte al fatto compiuto, tre minorenni della zona e studenti del Cerletti, hanno ammesso le loro responsabilità, spiegando di non voler fare altro che una bravata. Una bravata, però, che ora rischia di costar loro caro: il reato è procedibile di ufficio e i tre giovanissimi sono stati denunciati a piede libero per imbrattamento di edifici pubblici in concorso.