Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il magistrato si è spento al Ca' Foncello a 87 anni

ADDIO A GIANCARLO STIZ, IL GIUDICE DI PIAZZA FONTANA

Fu l'uomo simbolo della lotta alle stragi "nere" degli anni '70


TREVISO – (gp) Dopo una lunga malattia, si è spento a 87 anni all'ospedale Ca' Foncello di Treviso il giudice Giancarlo Stiz. Treviso perde così uno dei suoi uomini più illustri: fu lui infatti a smascherare, quand'era giudice istruttore a Treviso, gli autori della strage di piazza Fontana. Stiz nel 1971 aveva infatti deciso di non archiviare la testimonianza di Guido Lorenzon, giornalista e oggi consigliere comunale a Nervesa della Battaglia. Dopo la richiesta d'arresto di Pino Rauti nel 1970, le parole di Lorenzon affiancate alla tenacia e al senso del dovere del magistrato, Stiz scrisse una pagina indelebile della storia d'Italia inchiodando Giovanni Ventura e Franco Freda, e gli ambienti padovani di Ordine Nuovo, e facendo luce sulla bomba piazzata alla Banca Nazionale dell'Agricoltura a Milano il 12 dicembre 1969. In seguito a quell'inchiesta, Giancarlo Stiz dovette convivere con continue minacce di morte, tanto che divenne il primo magistrato in Italia a essere messo sotto scorta. “Quella testimonianza ha segnato per sempre la mia vita – ha dichiarato Guido Lorenzon – ma ha segnato molto anche la sua. Mi ero ripromesso di cercarlo in questi giorni e mi è dispiaciuto non averlo fatto. Sono quelle cose che rimandi e che la vita non ti perdona”. “Lo ricordo come una gran persone con un senso delle istituzioni incredibile – ha invece dichiarato il sindaco di Treviso Giovanni Manildo – E' stato un esempio per tutti”.