Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/216: LA CINA ╚ VICINA ANCHE SUL GREEN

A Pechino, lo svedese Bjork supera Otaegui


TREVISO - Ed ecco l’Open di questo Paese fino a ieri tanto lontano da noi, e che oggi, in quanto a Golf e non solo, si sta portando in pole position nel mondo.Il Volvo China Open, torneo dell’European Tour che si avvale dell’organizzazione dell’Asian Tour, si gioca al Topwin...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/215: ALLA MONTECCHIA VA IN SCENA IL BANCA GENERALI INVITATIONAL

Quarta tappa del circuito sponsorizzato dal gruppo bancario


SELVAZZANO DENTRO (PD) - In un ambiente speciale, la gara di golf 18 buche stableford, contrassegnata dall’esclusività e dal prestigio di “Banca Generali Private”. Era la quarta delle sette tappe del “Trofeo di golf area nord est” sponsorizzato da Banca...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/214: IL CHALLENGE AIGG RITORNA IN VENETO

Giornalisti golfisti impegnati a Frassanelle e al Colli Berici


PADOVA/VICENZA - Il Challenge dei Giornalisti Golfisti d’Italia 2018, dopo le giornate romane è arrivato in Veneto, nel padovano e nel vicentino. Abbiamo giocato in due particolarissimi Campi, ambientati in luoghi molto interessanti. Nella prima giornata abbiamo goduto della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rinviati a giudizio un uomo e tre donne romene

"PAGA 4 MILA EURO PER PROSTITUIRTI": IN 4 A PROCESSO

Accusati a vario titolo di estorsione, violenza privata e lesioni



SAN FIOR
– (gp) “Devi pagare 4 mila euro al mese, così hai anche la mia protezione, se non vuoi vedere tagliato il tuo bel visino”. Sarebbe solo una delle minacce ricevute da una giovane lucciola che si prostituiva in zona industriale “Marco Polo” a San Fior, che ha fatto finire a processo quattro persone accusate a vario titolo di estorsione, violenza privata, lesioni e porto abusivo di oggetti atti a offendere. Si tratta di quattro cittadini romeni, tre donne di 27, 30 e 51 anni e un uomo di 25, tutti rinviati a giudizio dal gup Silvio Maras. Le prime intimidazioni sarebbero iniziate la notte tra il 2 e il 3 maggio 2014. Ad avere il primo approccio con la lucciola sarebbe stato l'uomo il quale, al volante di una Bmw, l'avrebbe avvicinata dicendole che per “affittare” quella zona avrebbe dovuto scucire 4 mila euro al mese. Il 14 maggio sarebbero invece entrate in scena le due romene. Mentre la lucciola attendeva i clienti nella propria auto, venne avvicinata dalle due donne. Una sarebbe scesa e avrebbe iniziato a prendere a calci la vettura. Poco dopo sarebbe arrivata anche la seconda la quale avrebbe preso per i capelli la lucciola, l'avrebbe presa a calci e pugni e poi, tirando fuori dalla borsetta uno storditore elettrico, l'avrebbe colpita al volto e all'addome. Entrambe l'avrebbero anche minacciata: “Vattene via marocchina di m***a, questo è il posto delle romene. Noi abbiamo pagato 10 mila euro per poter stare qui e se vuoi stare qui devi pagare anche tu a chi sai tu”. La terza donna è invece accusata di aver portato fuori dalla propria abitazione lo storditore elettrico, senza le dovute autorizzazioni.