Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la pi¨ importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO La testimonianza dell'amministratrice del palazzo

PRECIPITA DAL SESTO PIANO, MUORE RAGAZZO 22ENNE

Tragedia alle 2.45 in un condominio di viale Trento e Trieste


TREVISO - Un tremendo volo nel vuoto, giù nella tromba delle scale, dal pianerottolo del sesto piano fino all'androne: nella caduta è finito anche contro un parapetto del quarto piano, abbattendolo. La tragedia è avvenuta nel cuore della notte, poco dopo le 2.45, all'interno di un condominio al civico 13 di viale Trento e Trieste a Treviso. A perdere la vita un giovane di 22 anni, Anas Souiad, originario del Marocco. Lo straniero è deceduto sul colpo a causa delle gravissime lesioni riportate: è precipitato per almeno una ventino di metri. Purtroppo sono stati del tutto inutili i soccorsi prestati dai paramedici del Suem118 che non hanno potuto far altro che constatare la morte del 22enne. Sul posto sono giunte le volanti della polizia e gli investigatori della squadra mobile che stanno svolgendo gli accertamenti del caso, coordinati dal magistrato di turno. Sarebbe da escludere al momento l'ipotesi di un omicidio; il dramma sarebbe infatti da ricondurre ad un incidente i cui contorni restano però ancora misteriosi. Il 22enne infatti non è un residente della palazzina: il suo domicilio è a Carbonera dove vive con i genitori che sono però attualmente all'estero, in Marocco. Nel condominio vive un giovane italiano, legato alla sorella del 22enne, che avrebbe messo a disposizione del ragazzo un piccolo giaciglio nel sottotetto del palazzo, dove poter passare la notte. Il 22enne sarebbe caduto nel vuoto tentando appunto di raggiungere il sottotetto dato che la porta per accedervi era stata chiusa a chiave da un residente. A chiamare il 113 questa notte, dopo aver sentito un fragoroso tonfo provenire dall'androne, è stato proprio il compagno della sorella della vittima: solo in mattinata scoprirà però che a perdere la vita era stato il nordafricano. Il residente, ancora sotto chock, è stato già sentito in mattinata negli uffici della squadra mobile di Treviso per fornire la sua versione dei fatti. Ma gli investigatori, prima di accreditare definitivamente questa pista, attendono gli esiti dell'autopsia e dei test tossicologici. Non è ancora possibile per ora scartare l'ipotesi del suicidio o la presenza di eventuali altre persone al momento del fatto: molto utile potrebbe essere la visione delle telecamere di videosorveglianza della zona ed in particolare di un istituto di credito che si trova a pochi passi da dove è avvenuta la tragedia. Il 22enne era ampiamente conosciuto dalle forze dell'ordine: il nordafricano ed il fratello, anche lui giovane, avevano alle spalle una lunga sfilza di precedenti penali.